10 Marzo 2010

Finalmente svelato il volto di T. Patoco

Oggi approfittiamo di questo bellissimo pupolo di Michele Zazzara per conoscere un po’ più in profondità il nostro esimissimo concittadino T. Patoco, sempre impegnatissimo col suo Esercito Patockista de Liberazion Furlanica in giro per il Friuli. Alla nostra richiesta di concederci un’intervista ha risposto volentieri, dunque eccoci qua con i migliori propositi.

-Salve. In primis una domanda di rito: chi è T. Patoco?
– Mi son po’. Me gavè ciamà e son vegnù diretamente mi, miga ve mando l’ambassiador, che monade.
– Sappiamo che da tempo è impegnato con l’EPLF in una marcia verso il Friuli a nome della salvaguardia della triestinità. Con quali obbiettivi? Cosa vuole esattamente l’EPLF?
– Volemo el giusto. Ma se sa za come che va ste robe: no se pol e basta. Ricordite sempre, Giusto iera un e anca quel i lo ga negà.
– Dove siete arrivati esattamente?
– Un par de giorni indrio gavemo conquistado Patocco. Ve contarò, desso no go tempo, ché qua el sol magna le ore e furlani sarà che noi no saremo. Desso stemo scendendo, un poco a pie e un poco caminando, verso le risorgive, dove ne speta quel tumbano de Virgilio col suo caìcio. Dovaressimo rivarghe ogi oto.
– Il morale delle truppe com’è?
– Sempre alegri e mai passion po’. Ghe manca un poco le osmize, ma gavemo tirado suso una vascheta per farghe tirar un do clanfe per passar el tempo. In più i se ga inventado un zogo che se ciama “el muleto che xe morto”, ma no go capì ben qual che sia el scopo però.
– Abbiamo notato che nell’EPLF non c’è nessuno che primeggi in altezza. Come mai?
– Eh, ti te son un bel merlo, ma te manca el beco zalo. No te sa che omo longo, dindio sicuro? E chi nassi dindio no diventa aquila, gnanca se magna panini de volpe.
Bon, no per farte furia sa, ma el caldo dei linzioi no fa boir la pignata e ciacole no fa fritole.
– Ultima domanda: quella “T” di T. Patoco, per cosa sta?
– Eh purtropo go la testa per intrigo e me son dismentigà come che me ciamo, coss’te vol ala mia età no te se ricordi dal naso ala boca. I unici che podeva vegnirghe in amente xe che sburta radicio de diversi ani. Mi me par che mia nona defonta me ciamava Teresiano, o forsi iera Timavo, ma poderia esser Toni. Ma coss’te vol che bazilo oramai con ste monade, remengo, l’ultima volta che i me ga ciamado per nome iera soto Marco Caco.
– Grazie per la disponibilità
Veramente mi ve gavevo dito volentieri, ma oramai fata la xe.

Quel dela Quela on Facebook
Tag: , , .

4 commenti a Finalmente svelato il volto di T. Patoco

  1. Avatar Flores ha detto:

    col’ uso propio del “volentieri” (adeguatamente chiarì in finale), el Patoco ga passà l’esame de sienze domace!

  2. […] T. Patoco viene intervistato volentieri e se impizza un spagnoleto. […]

  3. […] T. Patoco viene intervistato volentieri e se impizza un spagnoleto. […]

  4. […] T. Patoco viene intervistato volentieri e se impizza un spagnoleto. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.