18 Gennaio 2010

T. Patoco e le invasioni furlaniche: il paese di Patocco

furlan advisory

Finalmente giunge la seconda missiva dal fronte del nostro esimio concittadino T. Patoco, che ci aggiornerà sullo stato della trionfale marcia in furlania dell’Esercito Patockista de Liberazion Furlanica.

Le puntate precedenti:

T. Patoco trova un campo de panoce in Quel di Basovizza e se impizza.

T. Patoco trova la dicitura “ufficio scolastico per il Friuli” su un certificato di maturità dell’Oberdan e se impizza. Nasce e parte l’EPLF.

T. Patoco ci aggiorna da Barcola sullo stato dell’avanzata dopo due settimane. Primi longhi per l’EPLF

Oggi:

LE INVASIONI FURLANICHE
Dal campo de panoce arente l’Isonzo.

Carissimi concitati concitadini patochi, dopo un meseto de marcia impavida gavemo finalmente passado l’Isonzo. Per far le robe come che Dio comanda lo gavemo guadado, perché solo i cagainbraghe usa i ponti. Purtropo propio in quel che ierimo tuti int’el fiume xe rivada tut’unt’un la piena, che ne ga causado dele perdite no tanto per la furia del’acqua (se gavemo alenà prima de partir a resister ale piene del Rio Ospo) ma perché iera un desìo de scovaze e porcherie velenose, remengo. A quanto par i furlani se ga inacorto che stemo rivando e i utiliza armi baterio-ilogiche analogiche de massa.
A render più difizile la situazion, la nostra arma segreta, Goldrache, ga ciapado talmente tanto umido in sti ani nascosto soto al mar de Miramar che desso el ga sempre scagòt e semo fermi ogni do per tre, tanto che i lo ga ribatezà Goldrache, el mostro che fa cache. L’unica roba positiva xe che el riempi un campo de panoce intiero, rendendolo cussì inservibile ai furlani. No el dopra la micidiale alabarda spaziale come che volevimo, ma qualcossa de bon ala fine el fa. Anca noi gavemo le nostre armi baterio-ilogiche.
Ma quel che volevo dirve in sto secondo comunicato dal fronte, xe che finalmente gavemo trovado el nostro primo obietivo: grazie ala segnalazion de un utente de Bora.La, gavemo savesto che esisti un paese nela profonda furlania che se ciama PATOCCO. E i ga anca el sito web. Ve spedisso una foto che le nostre spie ne ga mandà col cocal messagero del’EPLF.

Questa me par el massimo dela provocazion, pezo ancora del campo de panoce de Basoviza, e quindi una forte reazion xe necessaria.
Gavemo solo do magagne che ne ralenta: la prima xe che el nostro cartografo Pino Toponomastic no ga ancora trovado dove che xe sto Patocco. Mi credo che no el ga capido ben dove che semo direti perché el se ga portado drio solo le mape dela zona A e dela zona B, e desso el contrasta che sto Patocco no esisti.
La seconda magagna xe che el tatico Nevio Cocal inveze sospeta che poderia esser un fufignez furlan per farne cascar in trapola, visto che la segnalazion sul sito xe stada fata da “lanfur”. El disi che poderia esser la più clasica dele imboscade.
Ve tegnirò agiornai. Per adesso, viva l’EPLF!

T. Patoco
Capobanda del EPLF

sempre più monon

Tag: , , , , .

2 commenti a T. Patoco e le invasioni furlaniche: il paese di Patocco

  1. […] quel i lo ga negà. – Dove siete arrivati esattamente? – Un par de giorni indrio gavemo conquistado Patocco. Ve contarò, desso no go tempo, ché qua el sol magna le ore e furlani sarà che noi no saremo. […]

  2. […] T. Patoco scopre l’esistenza del paese di Patocco e se impizza. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.