14 Novembre 2009

La Pallamano Trieste strappa un punto con le unghie a Pressano

Pallamano Trieste-Pressano 23-23 (p.t. 13-13)

Trieste.
Pareggio con brivido per la Pallamano Trieste che impatta a Chiarbola per 23-23 contro la coriacea formazione di Pressano. Dopo una settimana a dir poco travagliata, con l’uscita di scena di coach Radojkovic approdato a Koper, i ragazzi guidati dal duo Bozzola-Oveglia hanno fatto parecchia fatica nel contrastare la squadra messa in campo dall’allenatore Stedile. Lo spettro della seconda sconfitta consecutiva è apparso per buona parte del secondo tempo, ma il solito cuore dei giuliani ha permesso di conquistare un punticino che fa morale e classifica.

Trieste, con uno starting-seven composto da Modrusan, Lo Duca, Nadoh, Carpanese, Radojkovic, Leone e Ionescu (formazione che verrà mantenuta sul parquet per tre quarti di primo tempo) parte contratta all’inizio, sbloccandosi in attacco appena al quinto minuto col contropiede vincente di Marco Lo Duca. I biancorossi trovano il pareggio un minuto dopo con Nadoh (2-2) poi, grazie alla buona vena di Modrusan tra i pali, mettono la testa avanti all’11’ (6-4).
Pressano però approfitta di un paio di forzature in attacco da parte dei padroni di casa (tra cui due palle perse velenose), riacciuffando il vantaggio al 14′ con un parziale di 3-0 firmato da Vosca, Rizzi e Belinko (6-7); i trentini mantengono un paio di gol di vantaggio grazie alle soluzioni di Bolognani (letale nel movimento a ricciolo) e Belinko che si dimostrano oggetti misteriosi per la difesa giuliana, Trieste deve fare di necessità virtù cercando di limitare i danni con la salita sugli scudi di Nadoh (4 gol all’attivo nei primi trenta minuti) e tentando di chiudere le maglie difensive con gli innesti di Pernic e Oveglia Jr.. I padroni di casa trovano la parità proprio all’ultimo secondo del primo tempo, con la conclusione dalla distanza di Radojkovic che decreta il 13-13 di metà match.

Attacchi spuntati da ambo le parti a inizio ripresa: in cinque minuti si segna solamente un gol per parte, anche per le ottime prove dei due portieri (in particolare dalla mostruosa prestazione di Modrusan che neutralizza due rigori di fila tirati da Belinko e Alessandrini). Nonostante la superiorità numerica per i due minuti sanzionati a Rizzi, Trieste non riesce a fare un passo in più sul lato offensivo: anzi, i biancorossi finiscono in cinque per le espulsioni quasi contemporanee di Carpanese e Radojkovic al minuto numero 14 della ripresa, finendo ingabbiati nelle trame di Pressano che va avanti di quattro lunghezze in un batter di ciglia (18-22).I giuliani ritrovano fiducia con un contro-break di 3-0(21-22 a dieci minuti dalla fine): gli ospiti vanno in gol solo in un’altra occasione con Vosca, prima di subire il parzialino finale di 2-0 da parte di Radojkovic e Marco Lo Duca nei minuti finali che regala un pari pesante come il platino sul filo di lana per la squadra triestina.

I tabellini della gara:

Pallamano TS: Modrusan, Postogna, Radojkovic 8, Carpanese 1, Nadoh 7, Lo Duca 5, Leone, Fanelli, Sedmach, Ionescu 2, Pernic, Oveglia, Anici, Zampollo. All. Bozzola

Pressano: Pardalles, Andriolo, Vosca 4, Moser, Belinko 6, Giongo 2, Rizzi 2, Chistè D. Chistè W. 2, Folgheraiter, Bolognani 5, Stocchetti, Alessandrini 1. All. Stedile

Alessandro Asta

www.elsitodesandro.it

2 commenti a La Pallamano Trieste strappa un punto con le unghie a Pressano

  1. Radimiro ha detto:

    Non e’ stata una grande partita, ma i giocatori Triestini sono usciti giustamente tra gli applausi, se non altro per l’impegno.

  2. Alessandro Asta ha detto:

    Questa è una squadra che dimostra sempre un alto tasso di attributi. E’ palese il momento di difficoltà, più mentale che fisica (la partenza di Radojkovic è stata una scoppola niente male per molti giocatori), fare un punto contro una squadra forte e in questo modo è veramente grasso che cola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.