3 Novembre 2009

Air Dolomiti lascia Ronchi per Verona. A rischio 70 dipendenti

Air Dolomiti sta lasciando Ronchi per Verona. A rivelare ciò che sta accadendo allo scalo giuliano – “nonostante le rassicurazioni positive dell’assessore Riccardo Riccardi” – sono i consiglieri regionali del Pd, Franco Brussa e Mauro Travanut.
“La realtà è ben diversa: è già in atto il trasferimento della parte amministrativa, con circa 70 lavoratori”, spiegano nell’interpellanza rivolta al Presidente della Regione.
I due esponenti regionali ricordano come, a più riprese, siano intervenuti, sia con Interpellanze, che con interventi in sede di Commissione consiliare, per conoscere come stiano realmente le cose in Air Dolomiti, la società con sede a Ronchi dei Legionari, presso l’aeroporto regionale, che, a detta dei due interrogati, sta lentamente smobilitando a favore della sede di Verona.
“Come affermato dalla stessa società, l’obiettivo di Air Dolomiti – precisano – non sarebbe quello si ridurre le risorse ma si unificare le sedi (Ronchi dei Legionari con Verona) ricavandone, in questo modo, anche una maggiore qualità della produzione. È del tutto evidente – sottolineano Brussa e Travanut – che l’abbandono della sede ronchese di Air Dolomiti procurerebbe, non solo un danno all’immagine dell’aeroporto regionale, ma serie conseguenze ai lavoratori che sarebbero costretti, come in parte già sta avvenendo, a trasferirsi a Verona o, nel caso peggiore a perdere il lavoro”.
Da qua l’intervento dei due esponenti del Partito Democratico per chiedere a Tondo di assumere, urgentemente, tutte le iniziative ritenute utili per avere un quadro esatto e veritiero di ciò che sta realmente avvenendo in Air Dolomiti.

Tag: , , , , , , .

22 commenti a Air Dolomiti lascia Ronchi per Verona. A rischio 70 dipendenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.