20 Ottobre 2009

In regione 102 km quadrati di beni militari abbandonati e 150 caserme dismesse

Oltre 100 km quadrati per più di 150 caserme abbandonate. Il Friuli Venezia Giulia è la regione italiana a più alto tasso di militarizzazione del territorio. O meglio lo è stata, perchè oggi gran parte di queste strutture sono inutilizzate e preda del degrado. Cinemazero, Arpa e Tucker film preparano un documentario di denuncia.
“Friuli Venezia Giulia, un paese di primule e caserme” è il titolo del progetto partito lo scorso anno con una serie di reportage fotografici realizzati in alcuni beni militari dismessi. L’idea andrà avanti puntando alla realizzazione di un documentario aperto a tutti coloro che intendono raccontare la loro storia.
Il patrimonio abbandonato è enorme, basti pensare che dei 783 km quadrati occupati dal demanio militare sull’interno territorio nazionale, 102 sono in regione. “Secondo un’indagine della Procura Militare di Padova – spiegano i promotori -, in regione sono più di 400 i beni tra ex caserme, arsenali, depositi, ospedali, basi, poligoni, polveriere, alloggi dell’esercito abbandonati. Territori che vivevano, socialmente ed economicamente, grazie alla presenza militare, hanno subito una rivoluzione copernicana, venendo a mancare di colpo il loro centro gravitazionale”.
Le strutture riconvertite sono una nettissima minoranza rispetto ai beni abbandonati. Nelle sole province di Trieste e Gorizia troviamo rispettivamente e 13 strutture: la caserma “Giovanni Amadio” di Cormons, caserma Colinelli di San Lorenzo Isontino, caserma Pecorari di Lucinico, caserma Colombini di Brazzano, Casermetta ex posto di guardia in località Russiz, Deposito munizioni a Romans d’Isonzo, caserma Dardi di Villa Opicina, ex caserma di Polizia di Duino. Solo per citarne alcune. E la lista si allunga aggiungendo tutti i posti di blocco, ormai abbandonati, ai confini italo-sloveni.
Qui il link per contribuire al progetto con le proprie segnalazioni.

Tag: , , , , , , , , , , , , , .

2 commenti a In regione 102 km quadrati di beni militari abbandonati e 150 caserme dismesse

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.