1 Settembre 2009

La Regione candida Trieste per la regata dei velieri

velieri

Non solo Barcolana, a Trieste: secondo quanto scrive il sito shippingonline.it, la Regione presenterà ufficialmente la candidatura del capoluogo giuliano come sede di partenza per l’edizione del 2011 della “Historical Seas Tall Ship Regatta”, competizione riservata ai velieri storici. Il maggiore sostenitore dell’iniziativa sarebbe Maurizio Bucci, rimasto affascinato dall’edizione genovese del 2007.
Assolutamente di primo piano il potenziale turistico dell’operazione: a detta di Shipping on line, l’edizione del 2007 ha attirato 400.000 persone nel capoluogo ligure, mentre quella dello scorso anno, organizzata a Liverpool, avrebbe richiamato addirittura un milione di spettatori. Secondo Bucci, che ritiene che Trieste abbia una possibilità di successo pari al 90%, il ritorno economico di una simile operazione sarebbe di 1 a 7: per ogni euro investito, ne tornerebbero sette. Già coinvolti nell’operazione il Comune, la Camera di Commercio, la Fondazione CrTrieste e lo Yacht Club Adriaco.
D’altro canto, come ricorda perfidamente Shipping on line, l’organizzazione dell’evento potrebbe permettere di riscattare “una stagione crocieristica a dir poco disastrosa”, durante la quale sia Msc che Costa hanno scelto di abbandonare Trieste per Venezia e Koper.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , .

4 commenti a La Regione candida Trieste per la regata dei velieri

  1. Questo saria un evento non da poco.
    (go qualche dubio sul 90% de posibilità in favor de Trieste, ma bon)

    Tornando al disastro dele crociere, volesi saver cos’ che i pensa de far per rimediar. Per esempio, crear un terminal degno de sto nome?

  2. Avatar lanfùr

    Edizione del 2001?

  3. Eh, xe i festegiamenti per la comemorazion del ascesa del Sindaco! 😀 😀
    (spero intendesi 2011?)

  4. Avatar Andrea Luchetta

    oh yes, sorry. Adesso aggiorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.