17 Marzo 2009

“Un ebreo hassid di Vilnius ai tempi di Facebook”

Valerio Fiandra divaga sull’assenza di vivacità della comunità ebraica triestina e riporta una barzelletta very glocal rilasciata da Rumiz al giornale Konrad qualche tempo fa:

“Un triestino siede sul molo a contemplare il tramonto sul mare, un fiasco di vino accanto. Da lassù Dio lo guarda e grattandosi la barba gli fa: Ancora una volta te me gà ciavà”. Ecco, Dio che invidia le sue creature che godono per ciò che Lui stesso ha creato… lo trovo bellissimo. Ed è la filosofia del grande ebraismo: benedire quotidianamente Dio in ogni cosa. Come ghe manca, a Trieste, una filosofia così!

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.