19 Febbraio 2009

“Sindaco e maggioranza fanno lippa”

“La maggioranza fa assenza strategica, marina il consiglio comunale e ricorda certi studenti furbetti. La giunta Romoli non vuole sentir parlare delle proposte dell’Ulivo per ridurre gli sprechi del comune e continua a prendere in giro i quartieri”.
A prendere posizione è il capogruppo del Pd, Federico Portelli. “A causa dell’assenza di ben 10 consiglieri di maggioranza – spiega – i lavori del Consiglio sono andato a buca per mancanza del numero legale. L’assenza è evidentemente non casuale, almeno nelle dimensioni (non si ricorda, in oltre vent’anni, un caso analogo). E ricorda tanto le assenze “strategiche” di quegli studenti che, giunti alla fine del quadrimestre senza aver combinato nulla per mesi, preferiscono…


marinare la scuola”.
Spiega Portelli: “Si trattava, infatti, di votare due proposte concrete presentate dall’Ulivo-PD ma forse troppo imbarazzanti per l’amministrazione Romoli. La prima era tesa a dimezzare gli sprechi in consulenze esterne attuati dalla giunta (200.000 euro programmati nel solo anno passato) valorizzando invece le risorse interne del Comune. La seconda, quella di consultare i quartieri per definire priorità serie e trasparenti per le opere da finanziare con il bilancio di previsione 2009. Ebbene, è evidente che il centro-destra non ha alcuna intenzione di ridurre le sempre più numerose, costose e poco efficaci consulenze affidate all’esterno. Inoltre, non vuole confrontarsi affatto con gli organi di decentramento e di partecipazione, i quartieri”.

9 commenti a “Sindaco e maggioranza fanno lippa”

  1. AnnA ha detto:

    Bei tempi andati quando si diceva “far scapola”…

  2. la maestrina ha detto:

    In ogni caso a fine mandato gli esami si devono fare…

  3. Lauro ha detto:

    Io dico però che dopo un paio di “scapole” dovrebbe scattare qualche provvedimento. Magari del preside.
    Perchè, vedete, se il giudizio arriva con gli esami finali, è anche vero che sulla condotta, in caso grave, si interviene prima. Prima che si trasformi in abitudine.
    Esiste l’omissione di atti d’ufficio per un pubblico rappresentante eletto?

  4. robe ha detto:

    geniale t.p. tu si che sai come vanno le cose!

  5. t.p. ha detto:

    lavorate seriamente!!!! la politica non è più il gioco del godere alle spalle dei cittadini!! siamo alla frutta!!
    vergognatevi!! (ma che vi esorto a fare……….. tanto…….) 🙁

  6. marco ha detto:

    ma andate a cercarli al Tokio oppure da Teo

  7. t.p. ha detto:

    figura di m……… 🙁 continuando così avranno buon gioco quelli che per cinque anni hanno fatto di peggio………. ma chi non capisce come si evolve la politica è destinato a soccombere……….

  8. robe ha detto:

    geniale t.p. tu si che sai come vanno le cose!

  9. t.p. ha detto:

    capisco quello che vedo e leggo ma di sicuro te che invece sei molto più raffinato e colto saprai il vero fine di una azione che per me ha poco di fine e di colto…….. di sicuro; te l’ho detto che mi sembri una intelligenza superiore.
    se viene proposto un taglio a delle consulenze e ritengo che siano necessarie non ho paura di dirlo in aula, ME NE ASSUMO LA RESPONSABILITA’.
    sentire i quartieri non mi sembra sbagliato ed in linea con il tanto sbandierato nel periodo elettorale PROCEDIMENTO DECENTRATIVO DI RESPONSABILITA’ e PROCEDIMENTO PARTECIPATIVO SULLE DECISIONI CHE INTERESSANO I QUARTIERI…..
    Scappare davanti a queste cose non mi sembra una buona soluzione perchè si dà solamente adito alle opposizioni per farti passare per quello che non sei (O SEI)……..cmq di sicuro te sai meglio di me come vanno le cose volpone della politica 😉
    è grazie anche alle volpi come te che siamo in questo stato di cose mica per niente………. tutti professori ed artisti di rendere difficili le cose semplici perchè nella difficoltà chi è incapace trova sempre giustificazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.