8 Maggio 2008

Covacich testimonial del Carso

La promozione del Carso affidata allo scrittore Mauro Covacich e all’architetto paesaggista Andreas Kipar. E’ già conto alla rovescia per le prime iniziative programmate nell’ambito dell’ampio e articolato progetto Carso 2014 +, avviato dalla Provincia di Gorizia, in sinergia con la Regione.
Il progetto si propone di promuovere il sistema territoriale e paesaggistico dell’altopiano carsico in relazione ai siti della Prima guerra mondiale, valorizzando una terra dove la natura ha cicatrizzato le ferite in modo spettacolare, tingendo con i suoi colori trincee e camminamenti. «Un paesaggio decisamente fuori dall’ordinario, denso di significati – ha spiegato Kipar –. Infatti il nostro progetto per il Carso nasce con l’obiettivo di comunicare una storia…

ai cittadini, segnata sul Carso in mille modi: con le trincee, i monumenti, i castellieri …». Trincee, gallerie, monumenti, cippi, castellieri e santuari che abitano il Carso verranno, nei prossimi anni, messi a sistema, riqualificati e valorizzati. L’idea è che il Carso diventi un vero e proprio ‘museo a cielo aperto’.
“Alla ricerca di un paesaggio invisibile” è il leit-motiv della prima tappa di Carso 2014 + per la primavera-estate 2008, a partire dal mese di maggio. La Provincia di Gorizia propone infatti tre itinerari che accompagnino il visitatore a riscoprire i segni della storia e lo conducano attraverso la natura particolarissima del territorio. Non mancherà, grazie alle degustazioni che saranno proposte in abbinamento con i tre percorsi, il momento in cui questa terra parlerà attraverso i sapori dei suoi prodotti d’eccellenza che vanno dal vino, al miele, ai formaggi. Domenica 25 maggio è prevista la ‘vernice’ ufficiale con la prima passeggiata con partenza dal Sacrario di Redipuglia.

Tag: , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.