16 Dicembre 2007

“Niente da dichiarare”. Roberto Covaz presenta il suo libro sulla caduta del confine

Gorizia ha pudore nel mostrarsi; è diffidente come se temesse costantemente di essere derubata. Bisogna avere molta pazienza nel conoscerla e non scoraggiarsi quando, sulle prime, ti respinge. Ma se capisce che le vuoi bene ti ripaga svelandoti gioielli impensabili. Nova Gorica invece è quella che si vede, nulla di più. Una città troppo giovane per custodire segreti, una città nuova due volte in 60 anni.
Comincia con Robertino, 8 anni, che attraversa per la prima volta il confine su una 128 gialla nel 1970, il libro di Roberto Covaz "Gorizia-Nova Gorica. Niente da dichiarare". Il volume, dedicato alla caduta del confine, verrà presentato domani, alle 18, alla Biblioteca statale isontina dal giornalista Paolo Rumiz e dall’attore Gianfranco Saletta.

Tag: , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.