11 Aprile 2007

Don Bellavite: “Con Ds e Margherita ci sono ancora margini di trattativa”

Don Andrea Bellavite non ha ancora deciso. La conferma della candidatura di Giulio Mosetti da parte dell’Ulivo avrebbe fatto esitare il sacerdote, che aveva dato la propria disponibilità in caso di una convergenza di tutto il centrosinistra sul suo nome. La vicenda è ormai diventata un caso nazionale, tanto che le principali agenzie di stampa battevano la notizia già nella tarda serata di ieri: "Ancora in sospeso la candidatura di don Andrea Bellavite". "Secondo me – dichiara don Bellavite – con Ds e Margherita ci sono ancora molti margini aperti. Trovo sia un peccato non arrivare a una candidatura unitaria che renderebbe piu’ fattibile un progetto politico importante. Adesso capisco che non c’è una candidatura unitaria e so che avrei il sostegno di una parte del centrosinistra, ma in questo senso devo valutare. Capisco le ragioni di chi mi fa una proposta per un progetto politico innovativo, ma non so ancora se voglio abbracciarlo, dato che al momento non è unitario".

4 commenti a Don Bellavite: “Con Ds e Margherita ci sono ancora margini di trattativa”

  1. davcango ha detto:

    Andrea, fai un favore a tutti, se vuoi scendere in politica appendi la tonaca al chiodo. Non si tratta di candidatura unitaria dell’ulivo o meno. Si tratta della tua voglia di far politica. E siccome di voglia ne hai, ripeto, esci dalla chiesa “istituzione”, diventa un laico, sposati, fai politica e quello che più ti pare. Non vorrei, magari tra qualche anno, trovarti nuovamente a dir messa. La comunione la dovresti dare anche a chi non ti ha votato e sarebbe imbarazzante.

  2. luporosso ha detto:

    Magari potrebbe dir messa solo per la parte di sinistra della chiesa, ops! di centro sinistra, pardon!

  3. Miriana ha detto:

    Don Andrea desidero ardentemente che lei ci rifletta, si chiuda in camera sua, faccia silenzio e, solo con se stesso, si disponga davanti a Dio. Lasci fuori dalla porta gli imbarazzi, l’orgoglio, l’amor proprio e, come capita a noi sposati, si ricordi di quando ha deciso di diventare sacerdote per Dio. La Chiesa è tanto attaccata e farebbero di tutto per smembrarla ulteriormente. Le lusinghe sono la lingua del demonio.Milingo e altri non bastano? Abbiamo tanto bisogno di sacerdoti. A tutti capita di prendere un abbaglio ma è proprio dell’umiltà rialzarsi e ripresentarsi. Ricordo di un sacerdote che aveva pubblicamente rivelato la debolezza umana di essersi innamorato ma poi ha scelto la Chiesa. Non è facile. Il demonio lavora proprio più attivamente con le anime che più potrebbero contrastarlo. Spero tanto che lei legga questo mio messaggio e le voglio dire col cuore CORAGGIO!! Alla fine dei suoi giorni non si pentirà MAI e poi MAI e ancora MAI MAI MAI d’aver scelto per il Signore.

  4. Miriana ha detto:

    Don Andrea desidero ardentemente che lei ci rifletta, si chiuda in camera sua, faccia silenzio e, solo con se stesso, si disponga davanti a Dio. Lasci fuori dalla porta gli imbarazzi, l’orgoglio, l’amor proprio e, come capita a noi sposati, si ricordi di quando ha deciso di diventare sacerdote per Dio. La Chiesa è tanto attaccata e farebbero di tutto per smembrarla ulteriormente. Le lusinghe sono la lingua del demonio.Milingo e altri non bastano? Abbiamo tanto bisogno di sacerdoti. A tutti capita di prendere un abbaglio ma è proprio dell’umiltà rialzarsi e ripresentarsi. Ricordo di un sacerdote che aveva pubblicamente rivelato la debolezza umana di essersi innamorato ma poi ha scelto la Chiesa. Non è facile. Il demonio lavora proprio più attivamente con le anime che più potrebbero contrastarlo. Spero tanto che lei legga questo mio messaggio e le voglio dire col cuore CORAGGIO!! Alla fine dei suoi giorni non si pentirà MAI e poi MAI e ancora MAI MAI MAI d’aver scelto per il Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.