22 Marzo 2007

“La nuova rotta non cancella il fallimento del centrosinistra”

La candidatura di Pitzorno non può cancellare il fallimento del centrosinistra. Dopo l’annuncio ufficiale dell’Ulivo sulla scelta del candidato, l’opposizione dice la sua. "Silurato Brancati, l’Ulivo bonsai ha scelto Francesco Pitzorno come candidato sindaco. Persona sicuramente rispettabile ed interessante – sottolinea il segretario provinciale di An, Fabio Gentile -, ma soprattutto una delle poche in grado di mettere d’accordo le segreterie comunali del centrosinistra. Dopo le battaglie fratricide interne, alla faccia della moderazione che qualcuno cercherà di vendere. Ora tutti si affretteranno a garantire questa moderazione, le capacità e l’intelligenza del candidato cercando di far dimenticare ai goriziani, che non sono stupidi, che i danni di questi cinque anni li ha creati una coalizione di centrosinistra e non un uomo solo. Che il cambio è voluto proprio per smentire l’evidenza: Brancati ha mal governato, condizionato da chi? Solo da Rifondazione comunista e Slovenska skupnost". Il cambiamento di rotta dell’Ulivo viene considerato quindi come "fumo negli occhi degli elettori".
Abbiano almeno l’eleganza i Ds ad esempio, di levare dalla loro bacheca in corso Italia 98 uno degli ultimi numeri del loro giornale “Notizie-Novice” in cui il segretario comunale Betti, in un fondo, sosteneva Brancati senza se e senza ma. Questione di stile. Siamo certi invece che questa volta i goriziani sapranno dare fiducia soprattutto a chi, in questi cinque anni ha, con costanza, presenza ed impegno, tenuto duro per dare alla città una visione non di conservazione, ma di rinnovamento".

8 commenti a “La nuova rotta non cancella il fallimento del centrosinistra”

  1. diego ha detto:

    Non mi pare sinceramente di ricordare che l’opposizione abbia particolarmente brillato in questi cinque anni e mi ricordo piuttosto che le “lotte fratricide” del centro destra siano finite da qualche settimana… in pubblico almeno. Mi auguro che i goriziani sappiano evitare di ritornare indietro di una ventina d’anni votando il candidato della destra, certamente non famoso per la propria moderazione.

  2. davcango ha detto:

    Brucia eh non potersi misurare solo col perdente Brancati, vero eh? Sarà dura vincere per Pitzorno… ma sai che gusto ci sarebbe vedere la città libera finalmente dagli estremi!

  3. gilbone ha detto:

    Mi pare un po’ di parte la considerazione del sig. Cante Diego (candiato Margherita 2002 con 21 preferenze 36° su 40 candidati). Di davcango invece rispetto la posizione, anche se mi pare di ricordare che proprio Brancati abbia inaugurato la stagione degli estremi con Rifondazione in giunta e i no global in consiglio……

  4. eurialo ha detto:

    “Sarà dura vincere per Pitzorno2?!?!?!?
    Credo che la domanda da farsi sia CHI E’ Pitzorno. Qualcuno l’ha mai visto, qualcuno l’ha mai sentito nominare cosa ha fatto nella vita, dove è stato nascosto negli ultimi sessant’anni prima di diventare il presunto salvatore delle magnifiche sorti progressive della città di Gorizia.

  5. getto ha detto:

    Beh, il dott. Pitzorno, chirurgo, per alcuni anni facente funzioni di primario del reparto di nefrologia dell’ospedale di Gorizia, prima di arrivare a Gorizia nel 1971 ha studiato e si è laureato a Padova, dal ’71 ha lavorato per tanti anni in ospedale, contribuendo quanto meno alla ns. salute. Da alcuni anni si è avvicinato alla politica, non è un politico di professione, ha ricevuto l’incarico di dirigere, con successo, le farmacie comunali preservando un bene che è di tutti noi cittadini. CHI è Eurialo oltreche’ “giovanissimo figlio di Ofelte, guerriero che difese Troia”?

  6. getto ha detto:

    oppure Eurialo, figlio di Mechisteo, uno degli Epigoni.
    Be’ un po’ di cultura liceale ce l’hai!

  7. diego ha detto:

    Grazie Gibbone! Certo che sono di parte! E poi anche se sono arrivato 36° su 40… meglio che ultimo… se poi penso che ho preso circa la metà dei voti del mio capogruppo eletto in Consiglio, mica me la sono cavata male!
    L’importatne è mettersi in gioco per ciò in cui si crede.
    Non ho visto gibbone tra i candidati… ma forse, vista la conoscenza dei dati elettorali, il vero nome sarà diverso. CIAO! (e scrivimi!)

  8. eurialo ha detto:

    Chi sia Pitzorno a questo punto è pura accademia visto che è diventato l’ennesimo candidato “bruciato” nella guerra civile del centro sinistra.
    CHI è Eurialo è una legittima domanda, diciamo uno dei molti (e non certo il migliore) di quelli che combatterono ma non contro Tebe ne per difender Troia… a ogni tempo le sue guerre e i suoi “miserabili” mandati a combatterle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.