2 Marzo 2007

Multa-fobia: tamponamento a un incrocio sorvegliato da fotocamere

Primo tamponamento a un incrocio sorvegliato dalle fotocamere. L’incidente sarebbe stato causato dal timore di passare con il rosso e di incorrere quindi nella sanzione di 138 euro. A originare il tamponamento sarebbe stata la brusca frenata da parte di un uomo alla guida di un furgone che, appena vista la luce gialla, ha premuto il piede sul freno all’incrocio tra corso Italia e via Aquileia. A tamponare il furgone è stato un autobus, che a quanto pare non ha potuto evitare l’impatto.

8 commenti a Multa-fobia: tamponamento a un incrocio sorvegliato da fotocamere

  1. Leo&Lea ha detto:

    Noooo, volevo farlo io… Scherzi a parte, visionato il tuo link all’ACI e quello an Nuovo codice della strada: impossibile rallentare e fermarsi se si è a 15 – 20 metri, tanto più per i mezzi pubblici che non inchiodano ma, avendo persone in piedi, devono rallentare in modo da non trovarseli ad ogni incrocio al posto di guida.

  2. Leo&Lea ha detto:

    Noooo, volevo farlo io… Scherzi a parte, visionato il tuo link all’ACI e quello an Nuovo codice della strada: impossibile rallentare e fermarsi se si è a 15 – 20 metri, tanto più per i mezzi pubblici che non inchiodano ma, avendo persone in piedi, devono rallentare in modo da non trovarseli ad ogni incrocio al posto di guida.

  3. davcango ha detto:

    era INEVITABILE! Io passo spesso per quei semafori ed alle volte attendo, rallentando fino ad intralciare il traffico, che diventi rosso. Chi ha messo quelle telecamere lo ha fatto SOLO per FARE SOLDI! Sia chiaro. ZERO PREVENZIONE! E la gente sente l’ingiustizia e non apprende la lezione che invece dovrebbe arrivare da una corretta gestione del sanzionamento delle violazioni al codice della strada.
    Ma lo sanno tutti che le amministrazione comunali fanno i soldi con questi simpatici sitemi. Grazie signor sindaco. Ci vediamo alle elezioni, comunque.

  4. davcango ha detto:

    era INEVITABILE! Io passo spesso per quei semafori ed alle volte attendo, rallentando fino ad intralciare il traffico, che diventi rosso. Chi ha messo quelle telecamere lo ha fatto SOLO per FARE SOLDI! Sia chiaro. ZERO PREVENZIONE! E la gente sente l’ingiustizia e non apprende la lezione che invece dovrebbe arrivare da una corretta gestione del sanzionamento delle violazioni al codice della strada.
    Ma lo sanno tutti che le amministrazione comunali fanno i soldi con questi simpatici sitemi. Grazie signor sindaco. Ci vediamo alle elezioni, comunque.

  5. Franz ha detto:

    Parafrasando un intervento al Senato nei giorni scorsi, la giunta Brancati è affetta da sindrome di Tafazzi!

  6. luporosso ha detto:

    Doveva accadere. Ma qualcuno ci sa dire quanti incidenti si verificavano prima in questi incroci? Macchine mangiasoldi dei cittadini!

  7. Recupero ha detto:

    Qualcuno ha inventato metodi alternativi alle multe a nastro delle fotocamere…
    http://dailymotion.alice.it/video/xpyi3_rispetta-i-limiti

  8. NATALE ha detto:

    E’ la prova che le telecamere non servono per prevenire gli incidenti ma a causarli. E’ la prova che chi ha messo le telecamere lo ha fatto solo per riempire le casse del comune (probabilmente dissanguate da spese insensate) senza pensare ( come vorrebbe far credere) alla sicurezza dei cittadini. Ogni scusa è buona per rubarci i soldi dal portafoglio. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.