2 Marzo 2007

Livarna, interviene la Commissione europea

La Commissione europea interviene sul caso-Livarna: entro il 30 ottobre 2007 andranno applicato le più moderne tecnologie esistenti per ridurre le emissioni. E’ stata infatti resa nota dal consigliere regionale dei Pensionati Luigi Ferone, la risposta all’interrogazione presentata dal deputato europeo dei Pensionati Carlo Fatuzzo. "L’impianto di cui trattasi è la fonderia Livarna Gorica d.o.o., di proprietà della società Eta/Ego, situata a Salcano in Slovenia. Le fonderie dei metalli ferrosi con capacità superiori alle 20 tonnellate al giorno sono disciplinate dalla direttiva 96/61 del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento. La fonderia Livarna figura nell’elenco degli impianti sloveni subordinati a suddetta direttiva, pubblicato nel sito dell’Arso (Agenzia slovena per l’ambiente). La direttiva 96/61 prevede che gli impianti che rientrano nel suo campo di applicazione operino in conformità di autorizzazioni che riportino i valori limiti di emissione basati sulle migliori tecnologie disponibili, al fine di evitare, oppure, qualora non sia possibile, ridurre le emissioni di sostanze maleodoranti va dunque affrontata nelle autorizzazioni rilasciate in conformità di suddetta direttiva. Gli impianti esistenti devono essere resi pienamente conformi ai requisiti previsti dalla direttiva 96/91CE entro il 30 ottobre 2007. La Commissione ha adottato un documento di riferimento sulle migliori tecniche disponibili negli impianti di forgiatura e delle fonderie di cui devono tener conto le autorità competenti al momento di fissare i valori limite di emissione, i parametri o le misure tecniche equivalenti, basati sulle migliori tecniche disponibili. In base alla normativa comunitaria, la Slovenia ha quindi l’obbligo di applicare entro il 30 ottobre 2007 i requisiti previsti dalla direttiva, alla Livarna Gorica se la capacità di produzione della fonderia supera le 20 tonnellate giornaliere. La Commissione chiederà alle autorità slovene di confermare che l’impianto rientra nel campo dell’applicazione della direttiva 96/61/Ce e di indicare le misure che sono state o saranno adottate per soddisfarne i requisiti".

Tag: , .

Un commento a Livarna, interviene la Commissione europea

  1. VoglioAriaBuona ha detto:

    “…la Slovenia ha quindi l’obbligo di applicare entro il 30 ottobre 2007 i requisiti previsti dalla direttiva, alla Livarna Gorica se la capacità di produzione della fonderia supera le 20 tonnellate giornaliere.”
    Immagino che la capacità di produzione arrivi a 19,9 tonnellate dato che ad oggi l’aria continua a risultare irrespirabile e sono stato costretto ad un altro pomeriggio ‘a porte chiuse’-vedi post del 25\04\07…maledetti fetenti(in tutti i sensi)!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *