30 Ottobre 2006

Cercasi Stagista. In libreria

Capita di svegliarsi con le palle girate.
Capita soprattutto di sabato mattina.

Quando la sera prima la tua serata in un locale,
ad ascoltare un concerto (sì, uno dei quei concerti tanto vituperati da Paolo Rumiz)
è stata interrotta dall’arrivo di due volanti della polizia.
Troppo casino.
Trieste dorme di già, alle 22 e 45.
Ssshh. Fate piano.

“Esci?”
“Sì”
“Dove vai?”
“In libreria”

Ho ordinato da una settimana Grammatica della Fantasia
di Rodari. Mi è venuta voglia di scrivere favolette scabrose per
bambini. Meglio cominciare dal mostro sacro.

Prendo “la” 10. Mi accorgo
che sull’autobus hanno installato
degli schermi. Stanno trasmettendo
il mio oroscopo.

Scendo in Piazza Goldoni.
Dalle vetrine dei negozi, alcune zucche di Halloween mi sorridono.

I riti pagani mi mettono di malumore.

cercasi_stagista.jpgEntro in libreria e all’ingresso scorgo un cartello.
Qualcosa del tipo “carcasi commessa”.
Ma non sembrava proprio “commessa” sembrava altro.
Il libro non è ancora arrivato.
Esco e me ne vado.
Con la coda dell’occhio riguardo il cartello.
“Cercasi….”
Faccio due passi indietro.
“Cercasi Stagista”.

Come stagista?

Forse ho trovato il modo di dare un senso al mio sabato.
Estraggo la digitale e fotografo.

Io adoro le keyword.
E “stagista” è la parola chiave del nuovo millennio.
Insieme a Tronista, of course.

Decido che è il caso di andare a fondo e rientro in libreria.
Fingo di interessarmi all’annuncio.
“Ma non è per me eh! E’ per mia sorella!”
“Beh basta che porti qui il curriculum!”
“Ma a chi è rivolto l’annuncio?”
“Agli studenti di Scienze della Comunicazione?”
“Ma faranno attività di Comunicazione?”
“Beh sì…qui è sempre un’attività di comunicazione eheheh:
si parla coi clienti, si consiglia, si dispongono i libri”
“Capisco…”
“Dica di parlare con la sua università e di chiedere
se può fare lo stage in libreria”
“Ma non avete una convezione?”
“Noi no, la convenzione la fanno gli studenti”
“Ah…gli studenti…”
“Sì abbiamo bisogno di stagisti per i mesi più caldi..dicembre…gennaio”
“ok le farò sapere”

Esco.
Definitivamente.
Sconvolto.
Altro che Rodari.
Qui mi ci vuole un Faulkner, un Camus, un Frank Miller.

Entro in un’altra libreria.

cercasi_stagista2.jpgNo, non è possibile.
Sulla vetrina della libreria campeggia
la scritta “Cercasi Stagista”.
E’ un trust.
E’ un complotto.
La massoneria dei librai triestini si è finalmente organizzata.

Il tempo di una foto con la digitale
e sto già intervistando la commessa.

“Vede qui ce n’è da fare tutti i giorni..”
“…parlare coi clienti, disporre i libri…”
“Esatto!”
“Ma che studenti cercate?”
“Beh diciamo che l’ideale sarebbero gli studenti di Scie…”
“..ze della Comunicazione?”
“Esatto! Ma anche Lettere volendo. Lavorano qui con noi e imparano anche un mestiere”

Eh certo, come no.
Io proporrei anche di farli pagare per lavorare sti studenti.
Mi sorprende che in profumeria non cerchino laureandi in chimica.
O da Mario, lo sfasciacarrozze, un futuro ingegnere mecccanico.

O dall’estetista, un laureando in estetica.

6 commenti a Cercasi Stagista. In libreria

  1. Enrico sei sempre il numero 1! da92

  2. Ma chissà come mai li cercano proprio a dicembre… non vorrei che si trattasse di un modo per avere personale in più nel momento più “caldo” dell’anno per gli acquisti e non pagare nulla… ma no… ma che vado a pensare… vogliono solo insegnarli un mestiere.

    “Fa curriculum”

  3. Hello, my name is Alex, i’m a newbie here. I really do like your resource and really interested in things you discuss here, also would like to enter your community, hope it is possible:-) Cya around, best regards, Alex!

  4. Avatar Alexfczyz

    [url=][/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.