10 Settembre 2019

Trieste 1719, quando gli Asburgo scoprirono il mare. Giovedì 12 la presentazione

el sunto Giovedì 12 settembre alle ore 17.30 presso Lettera Viva in viale XX Settembre 31b, Edda Vidiz presenterà il suo ultimo libro

Quest’anno, a trecento anni della nascita del Porto Franco, tante sono le celebrazioni di questo importante anniversario che già gode di una corposa bibliografia internazionale, tanto che una nuova rilettura potrebbe sembrare superflua e irrilevante. Ma non è così: Edda Vidiz, partendo dalla sua capacità di scrivere con leggerezza, tanta ironia e il dono di saper semplificare senza banalizzare, ha gestito un’imponente mole di dati trasformandola poi in una vera e propria narrazione.

Uno stile semplice che trasforma un secolo di storia – quella del Settecento triestino – in una narrazione mai banale, che non vuole competere con i testi degli accademici e il loro duro lavoro per documentare il passato, ma che in qualche modo riesce a dare qualcosa di nuovo al lettore, portandolo, come dice la stessa autrice, “in particolare nelle pieghe della storia che, seppur irrilevanti nel contesto dei grandi eventi, sono quelle che più approfondiscono i fatti e coloro che ne sono, più o meno, responsabili. Perché la storia senza le sue pieghe è come una femme agée che sotto i ferri di un chirurgo plastico sembra giovane e bella e perde la sua vera essenza e, se il chirurgo è politicamente scorretto esula, ahinoi, nel falso storico”.

Edda Vidiz apre questo singolare percorso dell’intero diciottesimo secolo con una premessa che – dal privilegio di Tergeste ottenuto dal duca d’Austria Leopoldo il Lodevole alla scoperta del mare di Trieste fatta dall’imperatore del Sacro Romano Impero Leopoldo I – scorre veloce in un ritorno al passato, dove fa parlare gli stessi triestini, che si esprimono nell’epocale lingua italiana, a volte apparentemente confusa e arzigogolata, ma affascinante e divertente nella sua espressività.

E da qui il lettore prosegue con i protagonisti, le battaglie, gli aneddoti e le curiosità lungo le tappe di un viaggio, dentro e fuori le mura, che portò Trieste a ottenere la patente del Porto Franco e a trasformarsi così, anche se attraverso enormi difficoltà, nel porto e nella città emporiale più importante dell’Impero Austroungarico.

Una lettura piacevole – corredata da circa cento immagini che ritraggono sia i personaggi che i fatti e misfatti dell’epoca – che rende tangibile la magia del passato.

Una fonte di conoscenza storica preziosa, alla quale il commento sempre misurato, ma anche divertito, di Edda Vidiz, fa da sobria cornice, collega le parti, chiarisce i particolari e li  completa, attingendo notizie da altri documenti tanto rari che, come ironizza l’autrice: se non sono ben chiusi in cassaforte, è perché lì non c’era più  posto.  

Una scrittrice che ama giocare con i suoi personaggi, a volte li prende quasi in giro, così come fa con gli stessi triestini e con gli innumerevoli episodi raccontati nel libro portandoli tutti alla stregua di esseri “semplicemente” umani.

Alla presentazione saranno presenti l’autrice Edda Vidiz, l’editore Diego Manna e Angela Del Prete. Ingresso libero con piccolo rinfresco finale.

Il libro si trova già in libreria oppure online a questo link.

Tag: .

2 commenti a Trieste 1719, quando gli Asburgo scoprirono il mare. Giovedì 12 la presentazione

  1. Avatar Gabriella

    Mi incuriosisce…..mi piacerebbe leggerlo…..

  2. Apprezzo le persone educate e pulite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.