18 Gennaio 2019

Iera una volta… el carbon

el sunto In campagna o se ingrumava a man cagoie, cavalete, rughe e altre bestiuze o la verdura iera tuta magnada, salvo l'anno che ne tocava el carbon.

Nei ani 50 iera sai DDT in giro, per vestirlo ala italiana noi lo ciamavimo FLIT. Coi americani gavevimo risolto el problema dei pulisi e zimisi, ma in campagna no iera sai de scelzer: o se ingrumava a man cagoie, cavalete, rughe e altre bestiuze o la verdura iera tuta magnada, salvo l’anno che ne tocava el carbon.
Ierimo tre case vizine, ognuna con la sua campagneta (ogi la ciamasimo giardin), dove se impiantava de tuto. In autuno se zapava col picon e vanga e se ribaltava la tera, cusì in inverno col fredo moriva tante bestie danose. In primavera co cominciava a scaldar, se davimo una vose:

“Te ga ti el carbon?”

Gavevimo un bel carboner de almeno do metri groso groso che’l magnava de tuto. Ogni anno el se spostava in una campagna diversa e chi che lo gaveva per quel anno iera a posto: bela verdura sana, niente cagoie o altro. Tute sparide, magnade dal carbon. Strano che nol gaveva un nome ,anche se el iera de casa. Iero sai picio e co lo trovavo zogavo con lui ,ma nol se lasava ciapar el iera pesante più de mi e no rivavo tegnirlo.

Nol ga mai fato fioi, forse nol gaveva trovà moglie, anche se soto el porton gavevimo el patok con tante bele bise de acqua,quele zale a disegni blu sula schena, e anche sel iera sai elegante.

Forse a quele bisaze nol ghe andava ben. Co no lo gavemo più visto gavemo pianto un poco tuti anche per il lavor in più che ne spetava.

Qui le altre puntate di “Iera una volta”

Tag: .

Un commento a Iera una volta… el carbon

  1. Archibald

    Un giusto tributo al Scarbonaz nostrano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.