24 dicembre 2018

Iera una volta… i tre re

el sunto Te verzevi la porta e te rivava do o tre muleti col muso sporcà de smirn, involtizai in tende vece, con straze in testa che vegniva a cantar i tre re

1951. Co iero picio a casa se fazeva sempre el presepe e anche l’albero. Le casete e la stala con la stela cometa e tanti altri lavoreti in compenso li fazeva un mio cugin che iera sai bravo, el fazeva anche aerei col motor che svolava.

Le statuine iera vece za in quela volta forsi dela nona de mia mama, camei, pecore contadini, la Madona, Gesù e tuto el resto iera fati de ceramica o geso piturà. Se ingrumava muscio per doprarlo come erba. Co se taiava i legni per fogo, se meteva da parte tochi de cortecia che serviva per guarnir e far altre robete. Un toco de specio roto salvà aposta iera el lagheto, no iera ancora luci a corente (le costava sai) e se meteva picie cande, quele dele torte che vanzava dei compleani, in giro a iluminar el tuto.

Iera i Re Magi che i partiva de lontan anche fora del presepe e ogni giorno te li metevi più vizin. I contadini e le bestie se spostava tuti i giorni, pareva quasi de eser dentro e viver con lori..

Iera una gara continua tra le case vizine a chi fa el presepe più bel e più grando e visto che i nostri vizini no ghe tegniva tanto,el nostro iera sempre el più bel.

Sul albero comprà in piaza de fianco ala cesa, (dove i tegniva ancora i cavai), metevimo le bale de vetro, ma ogni anno de meno perché le se rompeva facile, in zima el puntal de valor sufià a boca e toco unico, sui rami pici s’ciapini con le candele, sempre quele picie de torta che se impizava solo per viz un momento a Nadal, pò se studava subito che no se impizi anca l’albero. In mezo ai rami iera impicade le robe più bele: fiochi nastrini stele con lustrini incolai.

Ma quel che iera el più bel iera i do San Nicolò de ciocolata tuti rivestidi de carta specio piturada che iera fin pecà scartarli, che ne portava sempre una amica de mia mama, Rosetta (più avanti la ga vudo per tanti anni el tabachin difronte ala Standa). Mi e mia sorela gavevimo le bave a magnar sti do San Nicolò, no mancava la ciocolata dura dei americani, ma stà qua iera sai più bona meza al late, dolze e morbida, anca meo dei ovi de Pasqua, ma podevimo solo dopo Nadal.

Gavevo do anni, e no capivo sai de religion, ma stò clima de festa che durava tanti giorni, stò presepe, l’albero, i regaleti, e stì ometi de ciocolata xe stada la prima granda festa che me ricordo.

De dopopranzo co scominziava a far scuro iera tuto un rumor de campanei e campanazi. Te verzevi la porta e te rivava do o tre muleti con el muso sporcà de smirn, involtizai in tende vece, con straze in testa che vegniva a cantar i tre re. Se iera in tre, iera la cantada normal, se i iera in do, iera sempre la scusa che un devi tegnir i camei e noi fio ridevimo contenti de gusto.

Me son imparà subito la cantada, che più avanti ‘co iero grando, a oto anni, go scominzià a cantar anca mi andando in giro pel rion. Se ghe dava a sti tre Re caramele e dolceti e se iera, anche qualche picio soldin, e seconda come te li tratavi i te cantava tuta la canzon o la taiava.

Nel 63’ co gavemo cambià casa, el cason con tuto el presepe che no se doprava più de un do ani xe restà sdimenticà la in cantina in fondo de una scanzia, e no se ga mai podesto più trovarlo. Spero solo che el gabi fato contenti altri muleti e magari ancora ogi anderia a cantarghe i tre Re.

Tag: , .

6 commenti a Iera una volta… i tre re

  1. Furio

    Grande! Aggiungo solo che mi e mio fradel, passà nadal, “aggiungevimo” al presepe soldatini, indiani e cowboy, e che battaglie fra palme, grotte, camei, e vittime civili!

  2. Fiora

    @ Furio
    mio nipotin, Interista sfegatà meti Icardi. Mi speto la Befana e ghe peto davanti un Ronaldo con in man oro incenso e mira. Ciapa! Oh tempora, oh mores!
    @ Alfredo Spizzamiglio : el quesito me tortura da l’infanzia . Sta ” Maria Luisa” xè licenza poetica per far quadrar el verso opur un omagio subliminal a qualche arciduchessa de una volta che ‘ssai usava sto binomio fra la nobiltà? …diritura ala seconda signora Bonaparte, ciò!
    ma forsi scavo tropo co’ no servi aprofondir. (Cesira, Diomira, fussi stà ncora mejo però! ) ” Maria Luisa , Sant’Anna sospira…” in saecula saeculorum , Amen!

  3. Fiora

    Graziando Google me xe vignù” Maria ISPIRA, s. Anna sospira”, ah?! me paressi più in rima e perfin più poetico. La prima che legitima el sospiro dela seconda….nonono, no oso propor cambiamenti! Miga son Papa Francesco che ga agiornà el ” non ci indurre in tentazione…” Lu’ sì ga trova una variante….ispirada!

  4. Alfredo Spizzamiglio

    In quela volta..parlemo dei anni 50′ nisun saveva la version giusta, se tramandava da muleto a muleto la cantada, niente de scrito..solo a memoria, cusì Maria lo visa (lo varda) xe diventà Maria Luisa..senza nesun altro motivo che la rima, e Satàna sospira (el diavolo sa che gaverà longhi), xe diventà Sant Anna..anche qua per pura rima: Ghe ga volù tanti anni prima che rivo a leger el testo giusto, ma ormai nela memoria resta sempre stà Maria Luisa e stà Santa Anna.

  5. Sandi

    El “presepe” dirà i ‘taliani, no i triestini.

    El mitico prof. Tojo Pippa, barcolan e profe de matematica, el ne zigava in classe ciamandone “papagai de presepio”… cossa c’entrava i papagai col presepio no se fa mai savù ma quando Tojo gaveva el cinciùt, iera meio no farghe domande.

    Tojo Pippa insegnava almeno dai anni ’50 e la sua testimonianza ga una certa importanza. Pertanto propongo che i giovanissimi triestini vadi a resentar le straze nel potok Klutsch o nel Rio Ospo come fazeva iscrittori triestini che andava a studiar a Firenze per “sciacquare i panni nell’Arno”.

  6. Fiora

    @4
    Orpo, Alfredo! alora ” sant’Anna sospira” xè là e là con “requie materna” e “arterie sclorosi”.
    Fantasiose deformazioni del popolo che risulta ala fine anche più cocole.
    Nel caso dei tre re xè diritura una riletura più familiare dela scena. Inveze del perfido demonio che esprimi disapunto per la nascita del Salvatore, el popolo patòco canta che una vecia cugina Anna,fresca de parto, Dio solo sa come ( …e mai definizion fu più azecada. no iera ancora inseminazion artificial)sospiri de contenteza per la nasita del Bambin Gesù fio de su’ cugina Maria…Luisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *