10 dicembre 2018

Quante parole de triestin te sa?

el sunto Un picio sondagio-quiz per capir quanto el triestin vegni doprado e capido tra diverse generazioni

Un sondagio pasà, che ne gaveva da una man proprio bora.la, el xe stado finì de miliaia de lori, e sta qua come roba la ga fato in maniera che – anca se no’l iera prezisamente sientifico int’ele basi, esendo un sondagin online – el gabi ingrumà una sua rilevanza, cresendo, e el ne xe vignudo fora sai bon per iutarne a meter insieme el lavor.

Prima de tuto, quindi, grazie per bon a tuti quei che i ga da una man fin deso.

Per iutarne con la nostra rizerca, che la xe là-là per finir, ghe xe ancora una robeta che se pol far per far in maniera de gaver argomenti rilevanti.

Ghe xe un picio sondagio-quiz, sai curto (un per de minuti) e fato ‘posta per no gaver de bazilar tropo: el ne conta semplicemente quante parole (potenzialmente) complicade de triestin che un/una sa o meno, e el xe incorporado in sta pagina (giusto qua soto).
E po’, ala fine del sondagio se pol butar l’ocio per veder se se le ga intivade o no. E, se volè condivider sto sondagio sui social, ne fe sicuramente un favor!

E ‘lora, ti quante parole de triestin te sa?

Ghe ne xe diese: tachemo con qualcossa de un fià più semplice, e finimo con quele più ciodi.

Tag: .

27 commenti a Quante parole de triestin te sa?

  1. Mauri

    bel lavor complimenti

  2. Raimondo

    Per mi cucherle iera spioncino.

  3. luciano

    Anche per mi cucerle xe el spioncin.

  4. Sara Matijacic Sara Matijacic

    Son quasi promossa. 😀

  5. Francesca Mattossi

    Per mi cucherle in Italian se disi spioncino, e la pupola no xe ginocchio?

  6. maria

    ssai cocolo!

  7. ClaudioB

    Non mi risulta che traiber sia impiegato, piuttosto servitore/ factotum. Magari sbaglio

  8. Elena Magnoni

    Bel

  9. Elena Magnoni

    Divertente

  10. giorgio (no events)

    bel, ma anche mi (de soto Rozzol) gò sempre pensà che “cucherle” derivi da “cucar”, vardar de sconto e quindi “spioncino”. E “traiber” me par che Carpinteri & Faraguna i lo metessi come sinonimo de bubez, in tedesco treiber vol dir guardian de muche…

  11. Fiora

    bon, fato! go becà 9/10 ma go confrontà i risultati e i iera tuti giusti. cossa i me cava mezo punto per la bruta scritura? o per la condota? Voio 10/10, orpo!

  12. Tatiana

    Per chi che sa el sloven come mi xe tropo facile .. solo le ultime due go tirà a indivinar.

  13. Alessandro Gombac

    Cucherle xe spioncino. El buso dela seradura no c’entra gnente.

  14. Alessandro

    Cucherle in lingua rignicola xe spioncino

  15. 7/10! non male direi per uno che Trieste l´ha vista soltanto su Google 😉

    Riguardo a Cucherle, riporto questa frase “plurilingue” che avevo letto qualche tempo fa:

    “me ne vado a cuccà: che no xè cucar (sbirciare, vedi cucherle=spioncino) ma in napoletan? a dormir”
    https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopic.php?f=23&t=891&hilit=spioncino

  16. Sandi

    Voi disè zima se traduci con “freddo”, ma freddo cossa? L’aggettivo o el sostantivo? Se intende el tempo metereologico, dove dir “tempo freddo”, “clima freddo” eccetera e se torna all’aggettivo. Quindi la parola zima no xe traducibile con un un’unica parola ‘taliana… a differenza nei paesi slavi tuti sa cossa xe la zima.

    Voi dixe che Witz se traduci con “scherzo”, ma in tedesco el Witz significa “arguzia” o “spirito “; in tedesco se disi “scherz” quasi come in ‘talian: la vostra traduzion no xe esatta e se anche i ‘taliani scrivi “witz” magari co’ le virgolette, un motivo sarà.

    Appredentista… diria che el significato xe “sottoposto gerarchico”, no necessariamente apprendista perchè se xe bubez in tutte le professioni e anche in famiglia. La differenza del bubez e del traiber, xe che el primo lavora quasi sempre in terliss, in flaida o co’ la traversa; mentre l’altro doveria esser vestì de travet col frontin de celluloide, le meze manighe ciapade coi ciapini e el lapis sora de l’orecia.

    Cucherle significa “spioncino”, deriva dal viennese Guckerle,

    Za che ghe semo, ve conto un proverbio triestin: “prima de insegnar, bisogneria saver” 🙂

  17. giorgio (no events)

    e sicome che mi “so de no saver” (Socrate), me fa piazer imparar. Beati vu che gavè tute ‘ste certeze, mi gò solo dubi…

  18. Fiora

    @19
    una volta i scriveva “quoto”!

  19. Veso

    Xe sempre ora de imparar quel che no se sa ……*

  20. Paolo

    Son dacordo con chi che disi che cucherle xe “spioncino”, tuti i mii veci diseva cussì.

  21. Fiora

    @23
    altroché! nona diseva sempre, mi prima de verzer vardo ‘ntel cucherle e anche ti Fiorenzin no verzer mai se prima no te vardi e no te domandi chi xe? ” amici” rispondeva…i ladri!
    …Eh! nianche soto la Defonta che notoriamente iera tuto pulito e in massimo ordine, sto abinamento cucherle più “chi xè?” come antifurto no valeva ‘ssai.

  22. Fiora

    magari desso “cucar” i dopra per dir tuto altro.

  23. Nereo Castelli

    cucherle: spioncino, sì se pol cucar anche atraverso el buso de la seradura ma cucherle xe el buso tondo in alto su la porta per veder chi che xe de fora.
    traiber: per mi in triestin el xe un impiegato de bassa forza.

  24. Fiora

    bon dei, a furor di popolo l opzion 4 ‘ndove che scrivi “buco della serratura” va cambiada con “spioncino”.
    ….orpo forsi iera un truco rafinato per veder se semo feradi e sicuri. Per quel,mi che in asenza de l’opzion coreta, per aprosimazion go strucà “buco della serratura” , go ciapà “solo” 9/10!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *