La smart box di Feresin
12 novembre 2018

Feresin, con l’e-commerce la buona verdura arriva just-in-time

el sunto Investire nell’e-commerce e nelle consegne a domicilio: lo ha fatto l’azienda agricola Feresin di Fiumicello e con ottimi risultati.

* In più di un’occasione ho avuto modo di esprimere il mio punto di vista sull’innovazione d’impresa rappresentando che, in fin dei conti, si tratta di un’attitudine, quasi una forma mentis dell’imprenditore piuttosto che di una scienza esatta fisico-quantistica da ingegneri. Esistono invero numerose opzioni strategiche in tema di innovazione, addirittura dieci come ci suggerisce Teamsystem: business model, network, struttura, processo, performance di prodotto, sistema prodotto, servizio, canale, brand e coinvolgimento della clientela. Le ultime quattro categorie sono forse quelle più delicate poiché impattano l’esperienza di acquisto/consumo di un prodotto o servizio e, tra queste, il canale di distribuzione è un elemento fondamentale per un’azienda che vuole essere e rimanere innovativa lato sensu.

L’Azienda Agricola Feresin di Fiumicello lo ha capito e così qualche tempo fa ha deciso di aggiornare la propria supply chain investendo nell’e-commerce e nelle consegne a domicilio. Una scelta senz’altro lungimirante e condivisibile che la direziona verso un nuovo oceano blu ricco di opportunità commerciali ma che allo stesso tempo la costringe a competere e a confrontarsi da un giorno all’altro con colossi del settore quali nientepopodimeno che: Amazon. Ne parlo con uno dei titolari dell’azienda agricola l’entusiasta Lorenzo Feresin.

Lorenzo, raccontaci le origini della vostra azienda agricola.

L’azienda nasce circa quaranta anni fa quando mio papà e mio zio decisero di puntare su colture di alta qualità in serra sia orticole che floricole, oltre ad alcune coltivazioni frutticole come pesche e fragole. L’idea di base, che è rimasta inalterata fino ad oggi, era privilegiare le produzioni delle colture più pregiate rispetto ai semplici seminativi. Oggi contiamo su una quindicina di collaboratori, un impianto produttivo a Fiumicello con punto vendita integrato, un vivaio, numerose produzioni ortofrutticole e floricole e da poco anche un nuovo sito online per l’e-commerce.

Quando avete deciso di investire nell’e-commerce?

Si è trattato di una scelta di business. La decisione di optare per l’e-commerce deriva dalla necessità di intercettare direttamente i potenziali consumatori finali. Considerata la vastità di prodotti coltivati non possiamo di certo competere da un punto di vista del prezzo all’ingrosso e vendere ad intermediari significa rinunciare a molta marginalità. Pertanto stiamo cercando di sviluppare la vendita diretta attraverso sia il nostro punto vendita a Fiumicello sia il nuovo sito web per le vendite digitali.

Che cosa vi rende speciali rispetto agli altri, ad esempio Amazon?

Semplice: la genuinità e la freschezza dei nostri prodotti che sono al 100% di nostra produzione e che presentano altissimi livelli di qualità e salubrità. Vendendo esclusivamente e direttamente le nostre produzioni riusciamo ad essere competitivi rispetto agli attuali e-commerce di frutta e verdura. Investiamo molto anche in formazione ed aggiornamento: ogni anno infatti inseriamo nuove colture. I valori che vogliamo garantire ai nostri clienti sono famigliarità, onestà e genuinità.

La smart box di Feresin

 

Come è stato l’ultimo anno per la vostra azienda agricola?

Direi emozionante per l’innestamento di nuovi prodotti quali ad esempio i lamponi. Ma anche molto complicato a causa della grandine di luglio che ci ha danneggiato parecchio da un punto di vista organizzativo.

E le vostre prospettive di sviluppo nel medio periodo?

Intendiamo proseguire con l’inserimento di nuovi prodotti di qualità quali il mirtillo, il lampone, il melograno e la noce. Come detto in precedenza, continueremo ad innovare investendo nell’e-commerce. Faremo inoltre qualche altro intervento sugli impianti di irrigazione e di protezione dagli insetti e dalle malattie.

Nel caso vi fosse venuta fame, qua potete visitare il sito di Feresin.

*Seconda puntata della rubrica Pirano Finanza a cura di Lorenzo Clarich

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *