1 novembre 2018

Canteremo Demoghela

el sunto Con Canteremo demoghela, canzone di una generazione costretta a combattere contro parenti e amici, oggi torniamo ai tempi della Grande Guerra.

Mio nono del 92′ xe stà “reclutà” per la prima guera mondial.

distintivo del 97° a parte gli ufficiali e graduati, erano tutti giovani leve nati nel 1897.

distintivo del 97° a parte gli ufficiali e graduati, erano tutti giovani leve nati nel 1897.

Come tuti quei che abitava nele province, nel esercito austriaco, in un primo momento el xe restà de guardia in castel proprio dove chel abitava. Co el castel xe stà bombardà e la guera xe sciopada sul carso el xe stà mandà in trincea, no so in che bataglion el iera, ma forse el iera nel 97° de Trieste, almeno cusì go capì più tardi ricordando quel poco chel me contava.

Mio nonno esce dalla sua abitazione in Borgo Castallo 14 per fare la guardia di ronda al castello

Mio nonno esce dalla sua abitazione in Borgo Castello 14 per fare la guardia di ronda al castello

Borgo Castel dopo i bombardamenti

Borgo Castel dopo i bombardamenti

Sai poche robe vegniva fora dela boca dei soldai che ga combatù de ste parti nela prima guera, quasi i volesi vergognarse de averlo fato. Ma miga i podeva scelzer: o i andava dove i vegniva comandai o li fucilava. Miga iera de scherzar. Una dele poche robe che mio nono el me ga contà voio scriverla perchè pol eser importante per capir tante robe.

Trincea in valon sora Doberdò

Trincea in valon sora Doberdò

Un giorno el iera trincea in valon sora Doberdò, i soldai gaveva una spece de galeria coverta scavada nele piere abastanza grande per meter al riparo el mus che quasi tuti i reparti i gaveva, con dentro le riserve de munizioni e de magnar. Come tuti no ghe andava de sparar sui ‘taliani e i tiriva a la valà che te va ben. Ma i taliani no gaveva stì riguardi e ghe riva una bomba de mortaio proprio sora l’imboco de stò bunker. Mio nono el iera dentro per darghe de magnar al mus. Salta tuto per aria insieme a tanti de quei che iera fora, crola l’imboco de sta galeria e mio nono se trova con altri do in scuro con una schegia in tel ocio che pò ga perso.

Insieme ai altri anca lori feridi, in sto bunker tra le altre robe, iera fien carube e pomi pel mus e anca scorte de magnar. Sai poco ma iera. De bever no iera niente. In qualche modo i se rangia a medicarse, aria rivava de qualche fesura tra le piere, e i scomincia a pensar:

“De sicuro i vegnerà a zercarne. Basta star boni, perché no savemo se semo ancora in Austria o in Italia e vedemo: o tornemo a casa con congedo per feride, o andemo in preson in Italia, ma per un poco ne convien spetar.”

I se rangia per un diese giorni magnando quel che i gaveva, ma finida la picia scorta de acqua che tuti gaveva in boracia de legno i xe restai senza de bever, e come savè tuti senza magnar se pol resister de più che senza acqua.El mus magnava ben tuti i giorni fien, carube e pomi, e no ghe serviva de bever. El pisava lo steso tuti i giorni e anche sai … Ga finì che sti tre i ga comincià a bever sto unico liquido che i gaveva. I xe andai avanti zigando e batendo sule piere per altri venti giorni, pò finalmente i ga sentì un rimitur de piere spostade e i xe stai tirai fora. La linea iera tornada ugual e i iera sempre in Austria. Mio nono senza un ocio e coi cavei tuti sbiancai dela paura che come se li tocava i cascava pertera, altri anche feridi.

Ma la malatia in guera finisi presto, apena che i pol i te rimanda al fronte. In ospedal mio nono, che a parte l’ocio infasà stava ben, el comincia a dar del mato. El va fora in cortil del ospedal e mimando col brazo un che buta semenze el se meti a dir de continuo:

“Se i vien no vien, se noi vien, vien.”

Tuti i giorni sta loika ripetuda tante volte. Pasa la comision medica che no capisi niente,. Pasa altri dotori, ma anca pasa el tempo e finalmente finisi la guera.

Dopo un per de mesi, mio nono se trova con altri dela sua vecia compagnia in osteria dela Vitoria che se trovava a destra sula riva per il castel de Gorizia.

in un quadro dipinto da mio nonno si vede l'interno dell'osteria alla Vittoria con lei intenta a cucinare, l'osteria era ultima costruzione a destra salendo la salita che porta al castello.

in un quadro dipinto da mio nonno si vede l’interno dell’osteria alla Vittoria con lei intenta a cucinare, l’osteria era ultima costruzione a destra salendo la salita che porta al castello.

Vitoria iera il nome dela parona, no centrava de sicuro con la guera. Un ghe fa a mio nono:

“ Ciò senti Piani: i te ga tegnudo mesi in ospedal a far gara per capir de cosa te son mato, ma a mi me par che adeso te staghi ben. Quel che te disevi tuti i giorni cosa voleva dir? Te ieri fora dei copi o cosa?”

E mio nono:

“Mai stà cusì ben! In ospedal magnavo tuti i giorni e dormivo in leto. Solo che savè come son fato: me piasi ragionar sui perchè dela vita e sule stagioni che cambia. Una matina iero in cortil che pensavo: ciò vara che bel semo rivai ai tempi dele semine e mi me tocherà tornar in trincea. E dopo che pensavo stè robe digo a vose alta: se i vien..no vien, se noi vien vien. E me acorzo che vizin de mi iera un dotor dei mati che me guardava de svisa. Mi per ciorlo per il fioco ripeto sta frase, e più la ripetevo e più de storto me guardava e la go capì che stà frase me salvava de tornar al fronte e go continuà a dirla per un mucio de volte. Ma miga disevo bale o monade. Mi, come sa ben i contadini intendevo dir: ogi semino. Se vien i corvi, no vien il gran. Se no vien i corvi vien el gran.”

mio nonno Giovanni Pani

mio nonno Giovanni Pani

 

Storia realmente vissuta. Negli anni sessanta con il nonno assieme a papà siamo andati alla ricerca del bunker, che si trovava sul fianco di una collinetta sopra Doberdò, oramai ricoperto dalla vegetazione ma ancora visibile. Dopo una breve preghiera per quelli che non sono mai ritornati da li, siamo ritornati a Gorizia dalla Vittoria, e davanti a un “doppio de bianco” ci siamo messi a cantare.Canteremo demoghela ( inserire audio allegato) finchè l’ultimo sarà, canzone simbolo   dove era maggiore il disonore a sparare che quello di trovare il modo per non farlo.


Maledeta sia la sveia sia la sveia del matino
se riposa un pochetino per marciare un poco ben.
Se qualchidun no marciarìa, o marciassi, o marciassi malamente,
ghe disemo al sior tenente, che raporto el ghe farà.
Se no basta el sior tenente, ‘nunziaremo el capitano…
povereto quel cristiano, che a la forca l’ andarà!
Qua se magna, qua se bevi, qua se lava la gamela
zigaremo: “Demoghèla”! fin che l’ultimo sarà!
Qua se magna, qua se bevi, qua se lava la gamela
zigaremo: “Demoghèla”! fin che l’ultimo sarà! fin che l’ultimo sarà!
Se no basta, demoghèla zigherèmo zigherèmo “ghe la dèmo”
zigherèmo “ghe la dèmo” fin che l’ultimo sarà fin che l’ultimo sarà

 

La nostra rubrica si prende un po’ di pausa. A presto con le prossime puntate.  Qui intanto potete rileggere tutti gli articoli pubblicati. 

Tag: , , .

Un commento a Canteremo Demoghela

  1. Fiora

    ” la galina pepola la fa tre vovi al dì, se no la fussi pepola no la farìa cussì” ( Maldobrie)
    Storia de quel che se credeva Massimiliano tornà del Messico e i lo credeva l’ Arciduca redivivo fin che nol sbrissava su sta filastroca conclusiva e l’ uditorio capiva ch’el iera roba per frenocomio.
    Qua xe sucesso l’inverso. In ospital i pensava che nono fussi bon per frenocomio , inveze el xe sta bon per aventor de tratoria Vitoria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *