25 ottobre 2018

Iera una volta… le castagne

el sunto Ogi noi te domanda più se te vol scartozo grande o picio de castagne. I te disi: “Cosa ghe meto do o tre?"

Nei anni 50′ no iera sai barachini de castagne, ma te le trovavi lo steso in mercà coverto. Te ciolevi un mezochilo e te se le rostivi a casa sul spargher. Doveva eser care, perchè poche volte le xe rivade a casa mia, e quele poche volte le iera picie. Miga come stè quà de ogi che con quatro tochi te ga zenà…

Nei anni 60′ girava qualche soldin de più e co se andava in cine al Vial in acquedoto, iera quasi normal cior un scartozeto, in baracheta che iera vizin al cine (quela dela foto), sconderlo in scarsela del mongomeri, o del spinaker se iera piova, e nel scuro del cine cominciar a spelarle.

Scric…scroc… te sentivi per tuto, no solo co te le spelavi ma anche co rivava o andava via qualchedun. Tra le sedie iera come in bosco: un bel tapedo de scorze de castagne. Mi digo che nianche i bazilava de scovar tuti i giorni, nel periodo pertera, le iera sempre.

Viale XX Settembre

Viale XX Settembre

El cine Viale gaveva do sale tacade con in mezo colone: su quela de destra te vedevi el film proietà e su quela de sinistra te lo vedevi de rimando de un specio. Se vedeva sai pezo, fosco e con le macie de veciaia del specio. Però de bon iera che la te andavi no per veder il film ma per strucarte con la mula de turno, miga te interesava vardar meo o pezo.  Savendo stà roba no pasava nianche la maschera con la lampadina. Iera tera de nisun e cusì i rivava a vender biglieti anche per la sala che saria restada svoda.

Mi conosevo el fio del operator, quel che meteva le pelicole e le proietava. Tante volte el me fazeva entrar per la portisina sul canton del vial, da dove con una scala te rivavi su in sala proiezion (sul canton drio la publicità che vedè nela foto iera la scala) e de la guardavo i film. Qualche volta, co la maschera andava a far il giro dala casiera, che iera una bela dona, rivavo a andar zo in cine a sentarme comodo.

Le castagne iera za più grandi, ma sempre i te dava un bel scartozo con almeno un diese tochi, po come semo ingrasai noi…xe cresude le castagne.

Ogi noi te domanda più se te vol scartozo grande o picio. I te disi: “Cosa ghe meto do o tre?”

Leggi le altre puntate di Iera una volta

Tag: , , , .

3 commenti a Iera una volta… le castagne

  1. Fiora

    Alfredo, che bel amarcord! ti che te ndavi a vardar le pelicole a gratis x conosenza in sala de proiezion te me fa pensar proprio ala pelicola capolavoro, “Nuovo Cinema Paradiso”.
    Castagne? sempre comprade in scartozo a dieci tochi ala volta e magnade per diretisima là per là ‘ntei paragi. Devo riconosser che se qualcheduna iera tropo brusada e no se la podeva magnar, bastava mostrarghela al castagner e subito el te la cambiava con una comestibile.
    Coreteza profesional po’!
    Ogidì xè restadi un per rente el viale in via Batisti. Castagne no le compro più. Trope calorie , me digo e po’ finisso per ingossarme de Nutela! Sempia o…. sentimentale? Tropi ricordi ligai a ste castagne! altra madeleine per mi. Magari ala prima che rosigo me torna in amente el come che ierimo e me scampa una lagrima.

  2. Maurizio

    Quel signore robusto che vendeva castagne d’inverno e gelati d’estate, col suo ape/camioncino, si chiamava Perin, ed era di origine friulana. Una bona persona che non so se è ancora viva. Un uomo cortese, con le dita perennemente bruciate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *