Papà lavora col trapano
4 ottobre 2018

Iera una volta… martel e mazeta

el sunto Iera una volta... l’officina di casa e gli immancabili “ordegni”: trapani, ciavi inglesi, mazete e martei.

Drio la casa gavevimo la “oficina” che iera una stanzeta de tre metri per due, cariga de strafanici, ben sistemai su scafai: ghe iera un banco tipo quei de falegname ma adatà con morsa anche per il fero, ordegni pertuto e de tuti i tipi.

sega da falegname fine 800′

Soldi no ghe iera. I ordegni, se vedeva ben, gaveva sai lavorà in tempi più veci.

Qualchedun gaveva portà el nono, ancora quando lavorava in cava a Aurisina: strangolini de fero, quei dei cavadori de marmo, martei e mazete per piera, seghe, che iera za vece cò mio nono iera giovin.

Mio papà se dava de far coi americani che, beata l’ora, ghe dava de tuto in cambio de galine. Cusì xe rivado el primo trapano a luce. Nele serre se gaveva corente a 380, da dove se trasformava in 125 per lampadine e ordegni a corente. 240 no se usava ancora. Sto trapano che go ancora, come tuto el resto, (qua no se buta niente), iera de color aluminio con busi e forma strana che me pareva un razo.

trapano dei americani

Tuti vegniva a avardarlo, ma mi iero incatà a capir come el se dopra, (nela foto introdutiva de sora, vedè tuta la famiglia a curiosar e mi che imparo, guardando papà, a doprarlo). El pesava tropo per mi fin i diese ani, solo dopo go comincià a doprarlo. Intanto me giogavo con lui pensando a chisà che aventura.

Gavevimo ciavi inglesi de tute le misure, quele in polici che no capivo mai la misura giusta. Ghe disevo a mio pare:

“ Ma sete otavi no xe quasi come un litro?”

ciave a papagal ben saldada che dopro ancora ogi

E no capivo cosa che ghe entrasi il vin con una misura de fero.

Per via del riscaldamento dele serre dopravimo tubi de fero fin 4 polici. La roba più doprada iera la ciave a papagal, sempre americana. La andava ben per invidar e strenzer tute le misure de tubi.  Un giorno sul più bel del lavor la se spaca.

Granda tragedia! Papà ciapa la vespa e cori in cità a zercar de farla saldar a eletrico, perché saldarla a oton no gavesi tegnù. De quela volta no la se ga più roto, e anche avendo ogi odegni più boni, la dopro sempre.

Po’ iera la mazeta. Gavevimo due: una granda e una picia, La picia rivavo a doprarla za da tre ani in suso. La metevo sul mureto de Sor Giovani (la casa de soto) e la dopravo come incudine per indrizar i ciodi che se recuperava dai telai in legno che ne regalava Pasinati, quel che ne vendeva i vetri per le Serre.

Serviva un capanon per meter in ombra le piante verdi. Papà pianta i corenti de legno per far i pai che tegnerà su tuto. Ghe fa un buso per tera che pò impignisi de cemento. De sora incioda altri corenti per el teto. Restava solo de meter altri legni a meza alteza per rinforzar e ligar le stuoie de cana, che serviva per far ombra.  El me ciama per darghe una man.

Bon martel con la pena per ribater e picia mazeta de cava, mai smeso de doprar sti ordegni

“Alfredo, vien qua con la mazeta picia! “

E mi coro, contento de eser utile.

“Struchila qua, drio a dove che bato mi il ciodo cusì fa de colpo. Co se incioda legni per aria, servi un fero che posi dar contracolpo, altrimenti se ris’cia de romper el legno o storzer i ciodi.” el me fa.

Mi, che iero alto forse un metro, ghe tegnivo sta mazeta ben strucada in alto drio a dove che lui bateva. Papà el stava con una gamba davanti al pal e una drio.

Dopo un poco per mi iera sai sforzo. Zerco de tegnir duro, ma no ghe la fazo più. Molo la mazeta che ghe casca proprio sul pie e sento per la prima volta la più bruta parolaza che saveva dir mio pare:

“Porca mastela!”

Lui zigava de una parte e mi pianzevo dal’altra, ma l’indoman con el dedo nero lu e col martel groso che pesava un poco meno dela mazeta, gavemo finido il lavor.

Tag: .

Un commento a Iera una volta… martel e mazeta

  1. Fiora

    mestier che entra, i diseva co’ se fazeva mal un muleto . qua se ga fato el dedo nero un grando ch’el mestier ghe iera zà entrà e anzi ghe lo stava imparando al muleto Alfredo…no ghe ga restà altro de dir se no quela che per quel bravo papà ( per rispeto del picio) iera la madre de tute le parolaze : porca mastela!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *