27 settembre 2018

Iera una volta… el rimitur

el sunto Iera una volta el 1953, quando i ritmi della vita erano scanditi dal lavoro in casa e dalle cantade.

Iera el 1953 e a casa mia nisun stava mai fermo. Iera sempre tuto un rimitur: bagna le piante, cambighe i vasi, ripara le lastre dele sere rote dala muleria, zàpa de qua, zàpa de la, pitura calzina sui vetri per ombregiar d’estate, lava la calzina per darghe luce ale piante de inverno, impiza la stua controla la presion, meti carbon per la note, taia i fiori in giardin, prepara la roba de vender,…

Cusì iera il motocaro de Tony

Senza dimenticar tute le robe costruide in piera e fero, dove tuto el material veniva scarigà in strada dal motocaro a ore de Tony, (cocolo omo, el stava in via Dudovich). Dopo iera de portar in casa giara, feri, cemento: altra fadiga che fazevimo tuti insieme.
Insoma, iera sempre cosa far.

Solo de sera, co fazeva scuro, se podevimo riposar, scoltando la radio che trasmeteva comedie, o riduzioni de film. Me ricordo nel 53/54 “Il gialo L’uomo che sapeva troppo” dove Doris Day cantava “Che serà Serà”. Subito imparada de tuti, la cantavimo lavorando in giardin, pensando ale piante se cresi ben o mal.

Druse Mirko go ancora tuti i libreti

Druse Mirko: go ancora tuti i libreti

Cantavimo anche quele dei primi festival de Sanremo: L’edera, Usignolo, Mamma, Papaveri e Papere e tante altre. Mia mamma iera sai brava a cantar. La gaveva una bela vose.
Iera anche il periodo de Cecchelin, Druse Mirko, Sinalco e Calcagno.
Insoma in casa iera tuto un cantar, e rider, ‘co mia mama tacava a cantar de Cecchelin, che ridade che fazevimo.

”Quando mio pare pestava mia mare zavate e pignate svolava per aria, e mi pensando che fosi alegria, in compagnia pestavo anche mi “

Ma le più bele iera quele de Druse MirkoMi sce veniudo de Boliunz… , anche perchè gavevimo tuti i vizini sloveni e se ciolevimo un poco per il fioco.
Me ricordo che mi, che iero el più picio, no rivavo a cantar Usignolo perchè gaveva un pasagio che no rivavo ancora a cambiar de tono e me rabiavo andando a provar drio la casa, dove no’i me sentiva. Ghe ga voludo sai per impararla ben.

mi in cadore, cò me son alzà iero tuto becà dele formighe rose.

Insoma, iera altri tempi, dove se se divertiva con poco, in famiglia, lavorando, cantando e tirando avanti, senza lagnarse, solo con quel poco che se gaveva. Altro che ferie, vacanze, viagi.
Mi in ferie son andà una sola volta nel 52′, do giorni, coi miei in cadore. Un giorno per rivarghe e un giorno per tornar. Me gavesi piaso andar in colonia ma i me diseva:

“Te sa la colonia xe per quei fioi, poveri, che no ga niente e xe deboluzi, ti no te ga bisogno e te sta ben con noi”.

E mi la bevevo. Anche se saria andà volentieri, ma chi gavesi bagnà le piante..? Anche se picio, el mio aiuto lo davo. Iera proprio bisogno de mi.

 

Leggi le altre puntate di “Iera una volta”

Tag: , , , .

7 commenti a Iera una volta… el rimitur

  1. mi gavevo sempre inteso “remitur” cola E.
    incuriosido son anda’ cucar intel Doria.
    in efeti xe giusto anca rimitur.
    no se finissi mai de imparar 🙂

  2. Alfredo Spizzamiglio

    te sa Diego, no esisti un dialeto triestin fiso nela gramatica e nela ortografia, a seconda i tempi e anche le zone, cambia sai la dizion e de conseguenza il modo de scriver dela stesa parola, importante xe capirse losteso..o come scrivo mi loste’so.. che sarà anca sbaglià ma se legi subito come se pronunzia, altrimenti un cif podesi anche leger “losteso.. per terra con una s’ciafa..”

  3. Fiora

    mi son per remitur cola E. Femo el partito del remitur? tanto oramai i fa partiti ogni dò per tre…
    ah Alfredo! per un pel no se gavemo becà de persona ala presentazion del libro de Edda Vidiz. Me gavessi fato piazer.
    Come che so? Una nostra comune amicheta me ga dito.
    Bon sarà per un’altra volta !

  4. Furio

    Mi me risulta che deriva dal casin che fazeva i soldai francesi al comando: demi tour, cioè dietrofront. Allora sarìa più giusto remitur…

  5. Fiora

    infatti Furio, sempre savuda cussì l’origine dela parola

  6. Alfredo Spizzamiglio

    Fiora, cò te ga voia te pol venir a bever un cafè a casa mia cusì ciacolemo un poco, te pol star tranquila xe sempre anca mia moglie…ehehhe. Intanto te invito tra i miei amici FB..se te fa piazer..Altra roba, ma te lo ga za capì de sicuro, mi son per un dialeto inteligente, no iazado nei tempi che iera, tante volte per farse capir bisogna anche andar in compromesi, un talian che legi per la prima volta in triestin “remitur” la prima roba che ghe vien in testa xe..”o che bello si fa un tour in barca a remi”.. inveze rimitur..anche dal talian da più l’impresion che se parli de una roba che se “rimescola”. Purtropo nisun dei grandi scritori se ga mai pensà de scriver in modo che anche un che no ga alba de dialeti veneti o istro veneti, podesi capir facilmente, xe tanta improvisazion, chi scrivi cusì chi colà, , mi no pretendo de eser meo de lori, ma sopratuto per quando parlemo del presente o de tempi vizin a noi voio mandar un mesagio..il triestin bisogna scriverlo come se parla, ma bisogna anche farlo capir a chi che legi.. che no sempre xe triestin, senò tornemo ale traduzioni de fondo pagina che no volesi più veder..

  7. giorgio (no events)

    @6: Se se metèmo a disquisir su come se devi o no se devi scriver in dialeto, no ghe vignìmo più fora, chè zà a suo tempo, in questo logo, se gà scontrà diverse scole de pensiero. Ve dirò che, me par, a Trieste xe tanti dialeti quanti xe i rioni. Mi, tra Via Rossetti e Piazza Garibaldi, gò sempre sentì “remitur”, ma indiferente. Quel che inveze, a mio aviso, no ve ben xe “slungar” el dialeto per farse capir fora: quando mai per tignir viva una lingua o un dialeto (un idioma, dei) se lo anacqua? Anzi, propio per via che gavèmo scominzià a doprar parole come sedia, toilette, conducente d’autobus, per farse capir nel mondo, ris’cemo de non savèe più cossa vol dir: carèga, condoto, sofèr.
    E, comunque, le storie che scrivè xe belisime e me scava fora ricordi e stati d’animo che credevo persi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *