La moneda da 10 lire in oton batuda in manicomio, iera anche più picie da 1-2 e 5 lire
20 settembre 2018

Iera una volta… le diese lire

el sunto Le diese lire sono le protagoniste della storia di oggi. Circolavano all’interno del manicomio del Parco di San Giovanni.

la nostra topolino Ts 12128, dove me scondevo per andar dentro al manicomio

Dovè saver che nei ani 40/50′ el manicomio gaveva tanti reparti ciamadi con letere dell’alfabeto. Se andava dala “A” fino ala letera “H” che iera l’ultima casa a destra, salindo el vial prima dela scalinada. Là iera seradi i mati più pericolosi. Nei altri reparti iera gente più o meno in cura, ma anche poveri muli abandonai dale famiglie e fati pasar per mati,che mati no iera de sicuro.

Gavevo 4 o 5 ani, quando me scondevo soto el cruscoto dela “topolino giardineta” de legno de mio santolo Silvano che lavorava in manicomio come infermier. Me piaseva sai verdar quel che iera nel parco. Prima dela direzion iera el calendario dove, pertera nel giardineto, iera la data, tuta fata doprando piantine grase, cghe veniva cambiada ogni giorno. Dapertuto iera fiori ben curadi e erba bela sempre taiada. Tuto bel neto insoma. Iera un piazer veder.

Mio santolo de cresima Silvano Soravia infermier in manicomio, dentro il recinto dei mati pericolosi del padiglion H

Come ve disevo, me scondevo in auto, perché podeva entrar in manicomio solo chi lavorava o i visitatori in pochi orari consentidi. Ma mi ghe la ficavo lo steso.

Za la prima volta che el mio santolo me ga portado dentro el parco, me son domandà: “Ma chi lavora cusì ben qua dentro?”

E mio santolo me rispondi:
“I mati”

“ Orpo, ma se i xe mati come i fa?”

E là go capido che tanti de lori veri mati no iera e i veniva fati lavorar nele serre e nei giardini. Un grupo fazeva naneti e funghi de cemento tuti ben colorai, altri lavorava in una rilegatura. E tante altre robe. Insoma, a parte quei pochi mati de bruto del padiglion “H”, i altri iera impiegadi a tenir ben e neto tuto.

Za all’epoca iera un bareto che vendeva bibite analcoliche, ciocolate e spagnoleti. Dato che i mati per regola no podeva gaver soldi, per darghe comunque un contentin al lavor che i fazeva, i se ga inventà de “bater” moneda interna. I ciapava fin trenta lire ala setimana che i podeva spender in bareto.

fioi con le infermiere che li fa zogar, pochi gaveva problemi de mati, tanti iera solo abandonai con qualche scusa la dentro, e ghe voleva sai ani prima che i rivi a dimostrar de eser sani, prima dei 21 ani iera imposibile.

Infermieri e i dotori podeva, drio sua responsabilità e con aposito permeso, portar fora del manicomio un mato tra quei più bravi per mostrarghe come se viveva fora. Pensè che tanti iera quasi nati la dentro e più che mati iera solo abandonai dala famiglia.

Mio santolo portava speso a casa un mulo che gaverà avudo un diese ani più de mi. Se ciamava Guido e ne dava una man nele serre (quela volta gavevimo coltivazion de piante in via ale Cave sora la ceseta vecia). Nei mometi liberi giogavimo insieme e me imparava truchi de prestigio che fazo ancora ogi ai miei amici.

Bon, una volta lui me ga regalado sta “Moneda” de diese lire. Ben prima de Basaglia mio santolo ga rivado a farlo riconoser san de mente e farlo dimeter, pò se ga sposado e meso su una bela famiglia. Questa xe la storia de questa moneda.

Leggi le altre puntate di “Iera una volta”

Tag: , , .

Un commento a Iera una volta… le diese lire

  1. Fiora

    me son comossa a leger questi ricordi. Robe de mati , robe de umanità e solidarietà a cominciar dei pici in su.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *