31 agosto 2018

I personaggi eccentrici di Trieste: Toni Pirata

el sunto Vizin la fontana, quela subito sora il Capofonte a sinistra, iera la campagna e la casa de Toni, conosudo come Toni Pirata.

Ndr. Lo sapevamo che la rubrica i personaggi eccentrici di Trieste sarebbe stata molto gradita dai nostri lettori. A testimoniarlo i tanti e articolati commenti agli articoli di Alessandro Canziani, con aneddoti, aggiunte e racconti personali, dei quali vi ringraziamo.

Ed è così che siamo venuti a conoscenza di Toni Fontana, di cui riprendiamo la storia, già pubblicata sul profilo Facebook dell’autore. In triestin. 😀 Buona lettura!

di Alfredo Spizzamiglio

Vizin la fontana, quela subito sora el Capofonte a sinistra, iera la campagna e la casa de Toni. Noi fioi non lo gavevimo sai in simpatia perché ne zigava sempre cò andavimo a zogar nele sue campagne, ma nol iera cativo, anzi el iera quasi sempre alegro con tuti.

Dala primavera a fin che iera fredo Toni iera sempre a peto nudo, o con una camisa militar, le braghe ligade da un spago con il falzeto che picava de fianco. La roba più bela iera che el se meteva in testa un fazoleto coi gropi per ripararse del sol. El fazoleto iera vecio, liso, con qualche color de fondo che no se vedeva più.

A vederlo cusì nela nostra fantasia el iera come quei pirati che vedevimo nei primi film, cusì Toni xe diventà per tuti noi muleti “Toni Pirata”. Lo ciamavimo per strada e lu se voltava zigando rabiado: “Se ve beco ancora in campagna vedèrè cosa fa un pirata.”

Ciaro che iera solo per dir, nol ga mai fato mal a nisun, ma un bruto giorno, Toni che iera stufo de eser ciolto in giro ga combinà una dele sue. Iera la vigilia de San Giovani, del 1957 o 1958, no me ricordo ben. Sul canton de la strada davanti a Zivic (poco più in sù dela ceseta a destra) preparemo il fogo.

Iera tradizion (è xe ancora un poco), salvar tuto l’ano scovaze de legno, mobili veci, cartoni e tuto quel che podeva brusar per far un grande mucio e impizar el fogo. El nostro fogo iera de sicuro un dei più grandi, ma tanto nisun vinzeva niente. Iera solo per vantarse in spacieto  “Te ga visto. Te ga visto. El nostro fogo xe stado il più grande.

Infati dopopranzo se girava a controlar almeno i muci più vizini e misurar a ocio quanto iera alti e se serviva se meteva ancora qualche sedia ancora bona in zima al nostro. Sior Luciano, (Zivic) dela casa de soto, andava a cior grandi zuche coltivade per l’ocasion, in orto a fianco dela cieseta. Le svodava, ghe fazeva oci e boca e ghe meteva dentro un legneto per traverso incuniado con una candela de sora. Col fogo impizado noi muleti con un linziol e tenindose la zuca sula testa corevimo torno, spaventando tuti. De solito se spetava el scuro per impizar verso le 9 de sera e co impizava un impizava tuti.

Bon, quel giorno el nostro Toni pirata, forse el gaveva festegià tropo o chisà cosa ghe ga ciapà, el vien vizin al nostro fogo. Iera le sei e lui gaveva altro fogo nela sua campagna. Chisà, o perchè el iera geloso del nostro o per farne dispeto, lo impiza butandoghe sora un poco de trapa. Apriti cielo. Cori tuti in strada a zigarghe, ma ormai iera fata. El bel xe che dopo gaver visto impizarse el nostro, tuti i altri ga pensà: “Vara quei de la ceseta. I ga sicuro qualcosa de parte per impizarlo cusì presto. Impizemo anche noi.”

Cusì quel ano nisun ga visto i foghi de lontan, ma solo fumo. Con quel sol che iera, le fiame no se vedeva ancora.

Per la cronaca, dopo qualche giorno Toni xe morto. Combinazion? O xe rivadi i colpi che tuti ghe ga mandado? Povero Toni! Ne ga dispiaso a tuti. Da quela volta in rion nisun ga più più dito nianche per scherzo: “Che te venisi un colpo” –

(in foto Toni pirata F.Lonzar)

Tag: , .

5 commenti a I personaggi eccentrici di Trieste: Toni Pirata

  1. Ytam

    Qualcossa no bati: Toni Pirata, nei primi anni ’70 era ancora in vita.

  2. Eh, trattasi de ricordi de periodi dell’infanzia, quando la percezion dela realtà no xe sempre corrispondente a quel che xe. Ma xe bei, proprio per questo. 🙂

  3. Fiora

    Ga una sua logica nella nostra città accettazion e affettuoso interesse verso le figure border line.
    Una mentalità la nostra anche “educada” dall’operato de Franco Basaglia, alla base dela legge 180 del 1978.
    Con tutte le lacune e i difetti , de quella legge resta che
    ” aprire un’istituzione non è aprire una porta, ma la nostra testa difronte a <> malato”.

  4. Fiora

    ops “questo” malato

  5. Ytam

    Sarà anche “percezion lasca”, ma mio nono, a 90 anni, co’ l me contava della seconda guera mondiale, no lo go mai sentì dir che la xe finida nei primi anni ’60.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *