3 agosto 2018

Magnar ben per bon: gnocheti de gries in brodo

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Dopo ‘na spanzada del giorno indrio gnente de meio pel giorno ‘vanti, anca se xe istà, che un bel brodin caldo. Brodin caldo sì, ma almanco co’ un pizigo de “goduria”, no, no, lassè el marì in pase che, come se disi, “agosto, molie mia no te conosso!” e alora ‘ndemo avanti coi gnocheti de gries!

Cossa se dopra
10 DECA DE GRIES MEDIO
1 OVO
2 DECA DE BUTIRO
FORMAIO DE GRATAR
UN’IDEA DE SAL
BRODO QUANTO BASTA MA CHE SIA PIÙ DE UN LITRO.

Come se prepara
Per el brodo no ve consilio de far come mia nona, che la doveva far la fadiga de corereghe drio a na galina vecia, tirarghe el colo, spenarla, passarla sul fogo per tirarghe via le piumete più sutili, e cussì avanti. A voi ve basterà doprar un dado de polastro o, come se disi parlando in cicara: “una dose di brodo granulare di pollo” .
Lavorè ben el butiro col piron, zonteghe el rosso de ovo, el gries e un’idea de sal. El paston che preparè in sto modo devi esser morbido: se xe tropo duro ve zontè aqua – se xe tropo tenero ve zontè altro gries.
Co’ un cuciar bagnà dovè far dei gnocheti che farè cascar un a un drento el brodo de boio lassandoli cusinar el giusto tempo per farli tornar suso a vardar el plafon de la cusina.
Co i gnocheti i xe pronti, li spartì nei piati fondi, li coverzè col brodo e ghe dè na gratadina de formaio per de sora.
Se dopo gaver magnado i gnocheti de gries in brodo gavè ancora un fiatin de mefa, podè andar a zercar in frigo dove, se ‘l giorno vanti iera un giorno de festa, troverè de sicuro un vanzume che, varda là, el par sempre più bon, el giorno drio.

Che basi, bori e buzolai no i ve manchi in piato mai!

Tag: .

3 commenti a Magnar ben per bon: gnocheti de gries in brodo

  1. Fiora

    seeee! chissà qual segreto che ne scondi la Docente….zento volte go tentà . altretante go falì. stessi ingredienti…duuuurii come balini de s’ciopo me vigniva sti gnocheti de gries by Fiora!
    Le creature ghe dava de nota maronzina bibita mericana a biondo dio per pararli zò, che gnanche no podevo oponerme, poveri!
    La galina? no la me fazi pensar al truculento incipit…po’ noialtri galina con dò teste addicts ne fa ‘ncora più impresssion. Bon, ciolevo brodo de carne mista zà preparada dal bechèr e quel iera el mal minore confronto de ste s’cinche che ghe propinavo. Xè finì che go ciolto quela polverina pronta che basta zontarghe l’ovo. I me xe vignudi spetacolari…spaciadi x Fiora’s d.o.c. natural!

  2. Fiora

    ah, giusto per completar le varianti profane del sacro protocolo,( la cui esecuzione sembra facile ma tanto facile non è!) oltre alla version hard, go al mio ativo anche quela extralight coi gnocheti che me ndava in paparela…bon fioi magné cussì ,come co’ ieri pici, incoragiavo i perplessi congiunti…vederè che la prossima volta i me vien perfeti. Noo! pitosto vado ala Caritas, iera l’ecumenico comento ,per la verità riservà a parechi altri mii manicareti. Po’ son passada ala polverina magica e almeno in sto campo me go salvà la reputazion.

  3. nella giorgetti

    ste nostre ricette triestine se favolose e sempre attuali, mi le leggio tutte e ghe fazo i complimenti a Edda Vidiz che ne le ricorda!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *