20 luglio 2018

Magnar ben per bon: gnochi de patate

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Ocio fioi, che a Trieste co se disi “gnoco”, pol voer dir do robe:
1) che intendè dir de Austria o de Germania, che anca se no xe tuto un, la base xe che se trata de un mato che ghe piasi magnar gnochi. A sto punto me sovien ‘na domanda: e a noi no, forsi? No forsi, de sicuro, e anca più de lu, perchè al todesco ghe piasi solo i gnochi de pan, inveze noi gavemo na sielta de gnochi a boca desidera!
2) che parlè propio de un gnoco, che pol esser de blede, de farina, de formaio, de gries, de pan, de pangratà, de polenta, de puina, de sardoni , de spinaze, de susini, de zuca, de chissacossaaltro e… de patate!
I gnochi de patate xe i principi de la cusina triestina, tanto che a Trieste va a la granda le patate ciamade propio per gnochi, che xe patate farinose che se zumba su su poca farina.
A sto punto voialtri penserè che i gnochi xe roba nordica, nati de le nostre parti, e inveze no! La prima rizeta de gnochi la xe stada scrita za nei primi ani del Quatrozento, no se sa de chi, ma se sa che ‘l iera cogo de la Corte angioina. Chi gaveria mai dito! I gnochi xe stai inventai a Napoli… mi credo che i disi ste robe solo per insempiar la gente!
Ben bon, basta ciacolar, ecove cossa comprar e come cusinar. Ve servi:
UN CHILO BON DE PATATE
VENTI DECA BONI DE FARINA
UN OVO
SAL
Per cusinar per prima roba doverè lessar, spelar, strucar col strucapatate le patate (no gavè el strucapatate? Xe radighi! Come minimo doverè ciapar le patate a martelade! Scherzavo…son sicura che saverè ben inzegnarve come far) e salarle nè poco nè tropo: giusto! E un quarto del lavor el xe za fato.
Infarinè la tola e meteghe suso le patate zontandoghe a pian la farina. Missiè e impastè. Co gaverè zontà zirca la metà de farina, fe un buso nel paston e ghe butè drento l’ovo. Impastè e missiè. Zonteghe pian a pian el resto de la farina. Co gaverè missià e impastà fin a la stufa, dividè el paston in pici muceti, che srodolerè sora la tola fin a far dei bigoli longhi che taierè a tocheti de do – tre zentimetri.
Desso ciolè tochetin per tochetin e felo rodolar sul daur de na gratacasa infarinada, fracandolo pian coi dedi. (No gavè gnanca la gratacasa? Ma con cossa gratè ‘l formaio? Sì, bravi, xe proprio quel arnese là!) A man che li fè li meterè un vizin a l’altro sora na straza de piati. (no quela che gavè doprà per mazar la mosca, ma una neta de lissia!) infarinada.
Fata anca sta qua, butè i gnochi un pochi per volta (diese-dodise a seconda de la pignata) in bastanza aqua salada de boio e, co i gavù modo de impararse a nudar e i vien a gala, li isserè suso col criel e li pozerè in ‘na piadina.
A sto punto li poderè condir in una zaia de modi:
col buro fuso e parmisan, col pangratà sofrito int’el butiro, co’ tute le salse che volè, col ragù, co’ la luganiga nostrana rosolada, col sugo de rosto, de selvagina, e cussì via.
E va ben, gente, cossa volè che ve digo de più? Bona gnocolada!
Che basi, bori e buzolai no i ve manchi in tola mai!

Tag: , .

5 commenti a Magnar ben per bon: gnochi de patate

  1. Gianni Bua

    Come in tute le ricete, xe DUE scole !! Sarìa quela che meti l’ovo e quela che No meti l’ovo. Premeso che mi son …over.. 70… e che mia nona, ragaza del’99, me ga insegnà a cusinar no lo meteva go prova tute e due le varianti. Zonto, in fameja se usava anca meter circa un eto de buro e bastanza parmigiano gratà nel impasto. Tot capita,tot sententiae diseva i romani ….

  2. Fiora

    @1
    gnochi per mi val più che scpaghetti c’a pummarola n’ coppa! Più de far, ameto …a meno che no se opti per Giovanni Rana et similia,ma là i xe fati cole patate disidratade e xè tut’un altro magnar e semo qua per far no per darghe bori a Giovanni Rana….
    Vignimo al quesito amletico posto dall’esimio collega. Col ovo o senza ovo? tha’s the question! mi sempre col ovo go fato e penso sempre cusì li go magnai, de quei fati in casa ( quei industriai chissà se i lo zonta opur no o se i meti polverina zala), ma anche a mi me risulta la variante più spartana senza l’ovo.
    Ghe va più farina per guantarli insieme, Gianni? e no i vien duri come balini de s’ciopo?

  3. Gianni Bua

    Fiora, prima de tuto i gnochi va fati co le patate de Cornial,se no no xe gnochi domaci. Farina ?? El metro de giudizio xe i polpastrei; cmq,mejo de meno che de più, la variante de fameja col buro e un bic de parmigiano fa diminuir la dose de farina, i se liga squasi subito.
    Remengo,co sta calura no saria el pranzo perfeto, ma me xe vignuda voia…………

  4. Gianni Bua

    Zonta (no de pan de fighi)…. ma con che sugo ?? Gorgonzola, xe un cugno. Carne masinada,co fa ssssai fredo e servi calorie. Per mi, el top sugo de arosto (misto,prasez/vedel/manzo)..

    E per Vualtri ???

  5. Fiora

    se trovo pronto in piato, beata l’ora, no fazo la sufistica. quel che xè! Se i me disi la se sielgi madame, alora ghe digo. Noialtre ( come chi? plural maiestatico ,ciò!) si preferirebe sugo bianco, rosto di spaloto di vitelo, natural. Senza porco che viene dolzino. lasiamo il manzo per la prossima volta che vengo, che mi farete gnochi col Golas, che è una variante altretanto buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *