16 luglio 2018

Nate dei refoli de bora: Trieste che se dondola

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

TRIESTE CHE SE DONDOLA

El Gheto,
ieri pei fioi de Sion
serà ai gentili.
El Gheto,
ogi un bel quadreto
dei tempi ‘ndai,
merleto de nona
sul vestito novo
de la neza sposa.
El Gheto de ogni giorno:
corer de muleria,
un ciacolar de babe,
sbraitar de botegheri
in un bazar
che non vendi el finir
ma ‘l fiorir de la vita.
El Gheto,
cantonzin de Trieste,
cità d’oro,
là dove nassi ‘l mar.
Trieste,
che se dondola pian a pian
vardando
un bel doman.
Edda Vidiz

SUL MOLO AUDACE

In costume de Arlechin
el ga dà spetacolo
– reclam per el circo –
longo el molo Audace
scovado del borin.
Sbati le onde spumose
contro le vece piere
ciamando autuno,
tuti xe ‘ndai casa
e nel tramonto fredo
el buta zo la maschera.
La rosa dei venti
xe l’unica a saver
che’l ridi solo in pista,
per mestier.
Graziella Semacchi Gliubich

SOLA IN CASA

Son sola e in più me toca star a casa
e giorno xe de festa: fora piovi…
però qua in caldo no xe gnanca mal.
Un pranzo me preparo de mio gusto,
aio e zivola meto in abondanza,
l’alòn che me circonda no disturba
nissun intorno e tanto meno mi.
Magno vardando un film de Stanlio e Olio
e rido forte fina che un fasòl
per tresso me se fica nel gargato,
ris’ciandome cussì de sofigar.
E legio dopo un romanzeto rosa:
xe una putela bona e diagraziada
che un conte salva da la perdiziòn
e po’ el la sposa e anca el ghe regala
un bel colièr de la defonta nona.
Sarà un sempièz, però ’na volta in tanto
piasi una storia che finissi ben.
Co’ vien la sera a la televisiòn
el “Werther” strazza l’anima e comovi
e mi de gusto pianzo e pianzo tanto
che scasso coi singhiozzi intorno i muri,
no go de vergognarme e la fifada
fazzo felice in piena libertà;
e dopo per tirarme su el moràl
me bevo un bon pelinkovec domacia
cussì che su una nuvola rosada
parto in direta fina l’indomàn…
Senza quel corer de formiga mata,
go avudo un giorno in fondo niente mal
e no pensavo, che cussì pulito
mi saria stada in compagnia de mi.
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *