Pupolo di Marco Englaro
13 luglio 2018

Magnar ben per bon: torta de mandorle

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

TORTA DE MANDOLE

Co se ga voia de cocole, xe na sola maniera de trovarsele, quela de combater l’amaro col dolze! Ma vien le mulze, dirè voi spaventadi. E mi ve digo meio na mulza in più che star tuto el giorno a pianzerse dosso! E lora, andemo co la torta de mandole: fazile, fazile, bona, bona.
Servi poche robe e la quantità la va a seconda de la quantità de cocole che ve servi. Bon, sicome no credo che voi se tipi de pianzerve dosso, poderia anca bastarve na cocola picola, picola: quela de un ovo. Ma co’ na cocola de un ovo, no coverzè gnanca el dispiazer de gaver roto el vaso de fiori riciclado, ciapà de zia Iole come regalo de noze! E lora ecove qua na cocola giusta!

Cossa che se dopra
6 OVI18 DECA DE MANDOLE
18 DECA DE ZUCARO
UN BEL ROMANZO “ROSA” E ‘NA POLTRONA COMODA.

Come se fa
Sbatè i rossi de ovo col zucaro, zonteghe le mandole masinade e a la fin i bianchi de ovi montadi a neve. Metè tuto ne la guantiera del forno onta de butiro e tegnì in forno a temperatura media per quaranta minuti.
E ’l romanzo rosa e la poltrona? Ma per passar sti quaranta minuti tuti per voi, in un dolze far gnente, come la ciliegina sora la torta! Ricordeve però de meter el contaminuti, per no ris’ciar de trasformar una cocola in una carbonela. Cocoleve gente, e la vita ve sarà dolce!
Che basi, bori e buzolai no ve manchi in tola mai!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *