Pupolo di Marco Englaro
10 luglio 2018

Volerse ben no costa gnente

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

“Volerse ben no costa gnente” sora de tuto quando se ghe vol ben solo a se stessi! Bela scoperta – dirà qualchidun – come se fa a no volerse ben a se stessi, dato che “chi che varda la sua vita, varda un bel castel”! E inveze se pol anca no volerse ben, e come che se pol! De boto se pol intivar che no se ama:
chi bevi fin a esser duro come un comato, co la scusa che ‘l ultimo goto xe quel che imbriaga;
chi fuma senza pensar che ogni cica ghe meti un ciodo a la bara;
chi se droga, senza saver che xe meio viver ben, che morir mal;
chi ga el vizio del zogo, senza ragionar che solo chi che no zoga, vinzi sicuro;
chi guida come se ghe coreria drio Godzila in ‘na Ferrari formula un, ma tanto se sa che a sto mondo ghe xe de tute le qualità de bestie;
chi xe sempre imbilà e no ga ancora capì che Dio manda più toni per spaurir, che fulmini per castigar;
chi critica tuto e tuti, perché chi che ga l’ amaro in boca no ‘l pol spudar dolze;
chi xe avaro, perché se ai povari ghe manca ‘ssai, ai tegnosi ghe manca tuto;
chi parla mal dei altri, dato che chi scava la fossa ai altri, ghe casca drento;
chi no se lava sovente le man, perché chi che ga la rogna se la devi gratar (gavè mai visto la foto segnaletica de un “dermatofagoide”, bon se quel xe solo un picio acareto de la polvere, pensè a cossa de altro podè ciapar in man de cluche, passaman e altro, co andè via de casa?) e – dulcis in fundo – tuti quei che i ga la creanza de un stival de Cicio e che – co i porta a pupui el cagneto – no i ‘ngruma de tera i vanzumi dei crocheti che la loro creaturina lassa ndar de soto la coda. Ben bon i pol ridersela fin a co i tocherà co man che ” chi mal fa mal se ‘speti”, perché se ghe riva ‘dosso tute le maledizion – de quei che i ga zapado, i sta zapando o i zaperà un ricordin dei loro tesori – co i gati andarà a sgnaulàr sora la loro tomba, i sarà compagnadi a scuriade in tel daùr de tuti i diavoli de l’inferno fin a la bolgia numaro do, ‘ndove Dante in toscan e Nereo Zeper in triestin, i ga za messo i licadori tociai int’un mar de caca.
Ben, bon tornemo al volerse ben a se stessi. Go leto che un zerto sior Elbert Hubbard, (un american, solo lori i le sa contar cussì ben) ga dito che:
“per volerse ben se devi ogni giorno co se va via de casa “alzar el barbuz, drizar la testa, respirar fin in fondo e bever la luse del sol (gavè pazienza, ma no’l ga dito cossa se fa co piovi, forsi xe meio star a casa). Po’ se devi saludar i amizi co un soriso e meterghe l’anima in ogni streta de man. Senza gaver fifa de no esser capidi e senza perder gnanca un minuto per pensar ai nemizi. Meterse ben ciaro in amente quel che se vol far e po’ andar driti al punto, senza ciondolarse. Pensar a tute le robe bele e giuste che se vol far e, un giorno, l’ocasion per incoronar i propri sogni vegnerà senza gnanca el tempo de inacorzerse. Imaginar nela mente el mato onesto, leale, nobile che se voleria esser e zercar de somiliarghe el più posibile ….
El pensier xe la roba più forte, cussì ghe vol mantignir na giusta maniera de pensar, quela de aver coraio e animo gentil e no esser falsi. Pensar nel modo giusto xe za come far. Tuto vien del desiderio chè le preghiere bone no le xe mai butade via. Andar driti avanti per quel che se vol far. Alzar el barbuz, drizar la testa. I omini xe Dei in crisalide…”
Mi che son triestina ve digo che chi no se inzegna se nega, e che per esperienza so che co l’aqua riva al daur, tuti sa inzegnarse! E lora? In specie per voi giovani: se no gavè un lavor e no trovè quel che xe el vostro mestier (diploma o laurea che sia) becheve el primo lavor che trovè e dopo, con calma zercheve quel fato posta per voi. Un lavor onesto no ga mai sporcà le man, nè la fronte sudada ga mai fato mal a nissun. Meio un lavor de fadiga che star a domandar la pagheta a mama e nona. Meio ‘ndar in tran, che in motorin o in auto co le rate che no se riva a pagar. Meio… quante robe che xe meio far inveze de gratarse la panza e star a rugnar. Perchè i omini sarà Dei in crisalide, ma anca le crisalidi devi sburtarse per vegnir fora del bozo e svolar via farfale! Come ga dito Dio, che xe santo vecio: iutite e te iuterò anca mi!
E, se no altri, che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Un commento a Volerse ben no costa gnente

  1. Fiora

    ah, me xè tropo difizile! mi so solo che i lussignani,notoriamente col brazeto curto, xè contro el divorzio,perché….volerse ben no costa gnente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *