3 luglio 2018

Cicio is not for boat: la vera (forsi) storia del claim della Barcolana 50

el sunto Come tirar fora un claim per una regata velica senza far riferimento a barche, mare e simili. Voio is not dead!

Gnente, afascinado dele polemiche sul novo claim dela Barcolana (We’re all in the same boat), volevo dir anche mi la mia monada 😉

Mi credo sia andada più o meno cussì:
LOCATION: el quartier generale dei publicitari Barcolana.
Toio (el paron): – Ciò i ne ga comisionado un claim per la 50esima barcolana
Jure (el bubez bravo ma un poco lole): – Figo, cossa xe?
– Ma come no te sa? Una regata! La più popolada del mondo!
– Figada! Bon pensemoghe un atimo… come te par… SALI IN BARCA ANCHE TU!
– Ma coss’te son mona! Dopo par un invito per i clandestini!
– Azz xe vero… provemo con IL MARE RENDE LIBERI!
– Pezo ancora… dei impegnemose de più. Scolta questa: LIBERA VELA IN LIBERO MARE!
– Libero mare??? Ma te zerchi propio longhi!
– Ciò che bale, no se ghe ne vien fora… andemo sul musicale… FINCHE’ LA BARCA VA LASCIALA ANDARE
– bravo mona, magari zontemo un “in tuti i porti” e gavemo fato la fritaia.
– E se ciolessimo ispirazion dele reclam vece? Tipo te se ricordi: “ZIGULi’ AL LIMONE, E VAI IN GITA COL GOMMONE!”
– mmm da barche a gommoni… te vol farte propio afondar!
– Tiremo un viz in triestin alora… tipo VE LAVE’ LA VELA!
– Sì questo pol andar ma saria de andar un poco più sul’international… tipo femo una roba triestina e la metemo par inglese
– Fata la xe: “CICIO IS NOT FOR BOAT!”
РBon ghe podessi star, ma dopo par che semo esclusivi, insoma la Barcolana xe bela perch̬ xe per tuti, cici inclusi.
– Te ga ragion! Ecolo! Semo tuti sula stessa barca! WE’RE ALL IN THE SAME BOAT!
– Fata. Ma no xe che i la ciaperà mal? Ghe xe sempre sta barca de mezo…
– No dei! O forsi sì… che balotole ara! Ciò ma sta Barcolana… ma propio barche ga de esser… no i pol farla coi auti?

6 commenti a Cicio is not for boat: la vera (forsi) storia del claim della Barcolana 50

  1. giorgio (no events)

    ma ghe va ben al novo governo?

  2. ma se pol dir “governar la barca”? 😀

  3. Fiora

    cazar la randa, dei! No se nomina la barca , ga un zerto colegamento mental con l’ecumenico dir e far cazade, ma anche ne l acezion oposta de cazarghela ….ma sì Giorgio ghe sta anche pel governo!

  4. Fiora

    ” Barca neta no ga pesse” chiosava papà mio co’ vigniva i yughi a far scioping in massa e tute le boteghe e le barache de Borgo Tersiano iera tante Mode Mirella, sia per afluenza che per faturato…ligà coi astici a colpi de milioni de dinari de meter ntuna borsa de plastica e ndar cambiar e depositar in banca. Co’ i ripativa i lassava la cità un scovazon e i triestini se lamentava,natural! ( e quando no?! se lamentemo de tuto e de tuti…del governo po’, ah Giorgio?!) .
    “Barca neta no ga pesse! scovè mule la botega,torné a piegar pulito i Levi’s taglia per taglia e stiveli in scansia pel prossimo sabato, ch’el 27 ve lo ga asicurà quei che impignissi el canton dela Stazion dei Bus de scatole de collant svode. ” cussì diseva el mio vecio….
    A CLEAN BOAT HAS NO FISH. pensando ai capitai de bori che gira in uscite e speremo in entrate, quasi quasi ghe stassi.

  5. giorgio (no events)

    Che “Semo tuti sula stessa barca” xe intivada e atualissima pensando ai quei “poverazi” (cfr. Camilleri) che ris’cia la vita per vignir in Europa e quei altri che, inveze, vol serarghe le porte del porto (ma semo tuti sula stessa barca). Se po’ qua de noi xe miseria chè “barca xe neta no gà pesse”, sarà per via de qualchedun che se gà ingozà. Per caso gò inteso che propio quei che devi tornarne 49 milioni de euro (de pesse?) per rimborsi eletorali, xe quei che vol serar de più le porte… e qua me sovien: “sera quela porta! Nato in barca!”

  6. Marco Fichera

    “ATTENZIONE: LA PERCEZIONE RICHIEDE IMPEGNO” ho letto una volta, e credo questo sia uno dei casi in cui applicare questa esortazione.
    Al di là del semplicistico livello di lettura che ha fatto sollevare l’attenzione dei più, quel che vedo io è una potente e audace denuncia sociale. Audace perché non stiamo parlando del centro sociale di turno, ma dell’evento di maggior richiamo della città, e lancia un messaggio in netto disaccordo con la direzione presa dalla politica del terrore, o dell’egocentrismo per usare la definizione di Covacich, in una città che si sta riscoprendo sempre più razzista e nera di quanto ci era sembrato negli ultimi anni.
    Trovo anzi che il gusto e lo stile di questa comunicazione richiami delle terribili distopie di quelli che per anni ci son parsi romanzi di fantascienza come “1984” e “Fahrenheit 451” ma che si stanno rivelando inquietantemente palpabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *