2 luglio 2018

Nate dei refoli de bora: el volto dei desideri

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

EL VOLTO DEI DESIDERI
Odor drio odor,
che no xe de casa:
de fien, de mosto,
de legna brusada,
e ‘l pianzer
de ‘na picia spaventada,
se distuda
sora la candela
consumada.
In campagna i fioi
ga le man sporche
e nona
tira el colo a le galine.
L’aqua vien su del pozo
e ‘l galo canta
sora la voia de restar
cucia, in quel leto
che odora ancora
del peto caldo de mama
alzada de bonora.
Ma el tempo
cambia el volto ai desideri,
ogi xe nostalgia
el pianto de ieri.
Edda Vidiz

LE PATATE CARSOLINE

Mila, fia de la vecia siora Vera
– che la ne iera stada lavandera –
la usava sempre de passar de noi
con matavilz, con verze e con fasioi;
ma le patate de la sua campagna
iera ‘na roba mai zercà compagna
“Milka, che bone! Pur le ga un savòr
che cò le gusto me se slarga el cuor!”
“Mi, benedeta, ostro, go bestiame!
La magna bela solo che ludame!”
Se tuto quel che lusi no xe oro,
pol viceversa sconderse un tesoro…
fin ne l’opaco e esserghe del bon…
anca ne la parola de Cambròn!
Laura Borghi Mestroni

I OCI CHE BRUSA

Ogi che i oci me brusa
come de picia
co i me lavava
senza tanti riguardi
el viso col savon
e mama me basava
disendome”te passa presto,
no sta sgnagolar”,
me vien su quel tempo.
Vivevo la mia fiaba
che no podeva
che finir ben.
Ma no xe fiaba la vita.
No go più savon nei oci
e la pele che zuca
e se ingrinzissi
me disi
che no passerà el brusor
col baso de nissun.
Graziella Semacchi Gliubich

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *