Pupolo di Marco Englaro
29 giugno 2018

Magnar ben pe bon: minestra de bobici

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

La minestra de bobici, che tuti i credi istriana, la ne riva de la todescheria, come sta scrito in un documento del XVIII secolo, indove un soraintendente imperial ghe scriveva a Viena che na minestra compagna se podeva doprar per distribuirla ai povari perché la vegniva a costar poco. Jesus come cambia i tempi! Ogi, co’ quel che costa i fasoi, la minestra de bobici xe na roba de siori!
Mi ve dago la rizeta per quatro de lori. Anca se se “ugnoli” nissun problema, perché sta minestra doman la sarà più bona de ogi. I tre piati che vanza li podè congelar e magnar co no gavè voia de far altro per pranzo, che menar la porta del frigo.

Cossa che se dopra:
DO PUGNI DE FASOI BORLOTI SUTI tegnudi in aqua per una note intiera (de no usar trapa al posto de l’aqua, perché la trapa va usada solo dopo, per ben digerir).
TANTO PORCO FUMIGADO QUANTO BASTA tipo costine o crodighe fresche (no “vecia crodiga”, che quel ve xe un complimento riservado a le socere).
DO PATATE GRANDE, spelade e taiade a tocheti.
I GRANI DE DO PANOCE TENERE E FRESCHE, che saria come a dir “panoce de late”,
OIO EXTRA VERGINE DE OLIVA, tanto quanto ve lassa doprar el livel dei vostri “trigliceridi”;
SAL E PEVERE.

Come che se fa:
Metè i fasoi e ‘l porco ne l’oio caldo, zontandoghe do litri de aqua. Mescolè tuto e lassè boir per meza ora a pignarta coverta, zonteghe el sal e ‘l pevere e lassè boier vanti per l’istesso tempo. Passada un’oreta bona, zonteghe le patate e i grani de panocia e lassè boir tuto per altri venti minuti zirca.

Se, inveze de cusinar, preferì ndar a far na partida de tenis, ve conto do segreti:
Primo: doprè la pignata “atomica” (gnente paura, se trata de la pignata a pression, che no la salta per aria e, anca se a mi no la me piasi, co propio go furia…. a volte…. savè come che xe…)
Secondo: ciolè una scatola de Borloti e una de mais (che scolerè e resenterè con aqua calda), tre patate meze lesse, un dado de brodo, oio quato basta, aio e persemolo.
Metè in pignata le patate coi Borloti, el mais, el dado e metà de l’oio. Boì un per de minuti e zontè un disfrito de oio, aio e persemolo. Prima de zontarghe sal, deghe un assagin, perché el sal del dado poderia za esser basta e vanza. Mescolè ben e… subito in tola!
E che basi, bori e buzolai no ve manchi in tola mai!

Tag: .

Un commento a Magnar ben pe bon: minestra de bobici

  1. Fiora

    ma minestra de bobìci xe de più de kukuruc?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *