25 giugno 2018

Nate dei refoli de bora: indrio torno muleta

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

INDRIO TORNO MULETA

Ti za in leto
e mi
ancora un fià davanti ‘l specio,
strucandome
na pele che par quela de mama,
dando crema su labri
che ga ciapà fin tropi basi
e oci frugai
nel dar senso a sta vita
intortolada,
tignindose per man come de fioi.
Distudo la luse
sul ritmo del tuo ronchizar
beato,
forsi ti sogni e mi,
drio de ti a caregheta,
in sto leto che sa de amor
in ti, in mi infissido
e… indrio torno muleta.
Edda Vidiz

IN STO PRESENTE
La mia casa respira
un’aria nova
che la traversa
e se missia
con quela de ieri
piena de spasimi e ridade
che pian impalidissi.
In sto presente
se verzi el doman
e va ‘vanti la vita
impastando el tempo
col lievito de l’amor
che me liga
a chi che me vol ben.
E fra sti muri veci
mi go tuto.
Graziella Semacchi Gliubich

EL CAFÈ DE LA MATINA
Xe proprio bel alzarse de matina
nel silenzio che xe cussì bonora
e bever el cafè ne la cusina
quando che tuti i altri dormi ancora.

Se fa do sope col bon pan de biga
se varda el ziel che pian ciàpa colòr,
se vedi svolàr rondini che ziga
e se se senti za de bon umòr.

Ma l’omo, ogi, bevi come mato
la sbicia propio a l’ultimo momento,
brusandose la lingua e el palato,
con un pìe fora e l’altro ancora drento.

Co’ i oci foderati de parsuto,
el varda l’ora za in agitaziòn
no ‘l ga un bel niente e el credi de aver tuto
in lui xe solo un grande ribaltòn.
Laura Borghi Mestroni

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *