25 giugno 2018

I personaggi eccentrici di Trieste: Nando calendario

el sunto Nella puntata di oggi scopriamo un altro personaggio eccentrico: Nando calendario. Lo incontrava a Trieste fra gli anni 60 e 70.

Siamo nella Trieste anni sessanta e settanta. NANDO CALENDARIO, detto anche NANDO PALOMBARO (per il mestiere che esercitava) detto anche NANDO ‘SUSTA (per il suo modo di muoversi)  abitava in Via San Giacomo in Monte  ed era conosciuto a Trieste come NANDO CALENDARIO.

Si poteva incontrarlo a San Giacomo o in Barriera. Si dice che a seguito di una immersione come palombaro erano insorti dei problemi psico fisici, problemi che non gli impedivano di conoscere a memoria tutti i santi del calendario. Inoltre, pur non portando mai l’orologio, sapeva esattamente l’ora ed i minuti.
Entrava negli esercizi commerciali ( dove raccimolava qualche soldino) con la sua celeberrima frase:

“Bon giorno compagnia! Xe le nove e venti e oggi xe el 10 aprile, San Teodoro. Manca x giorni ala fine dell’anno e xe passadi y giorni dall’inizio dell’anno. Pasqua sto anno casca al…,  mentre tre anni fa Pasqua cascava al …  A Nadal manca ancora  x giorni.”

Si dice che in un negozio un giorno una persona gli chiese: “Nando… ma quando casca la festa dei ‘bechi’ ?”
La sua risposta fu: “La festa dei becchi casca el giorno del tuo compleanno.”

Quali i vostri ricordi di Nando calendario? Scriveteli sui commenti!

Tag: , .

33 commenti a I personaggi eccentrici di Trieste: Nando calendario

  1. cavoli no lo go conossudo!

  2. mi nianca nata no iero. @Fiora, ti te ga qualche aneddoto? 🙂

  3. Fiora

    purtropo gnente de significativo. Come tuti savevo de sto ometo che girava per s Giacomo e che saveva date e nomi dei santi…ah! l’unico aporto ala mitica figura che me vien in amente xè che uno dei sui nomi d’arte iera Nando baùl.forsi xke el iera sapiente pel suo, ma con rispeto parlando, idiota pel resto. Idiot savant, come dir !
    Go un dubio che me meti in ambasce. anche mi so sempre l’ora e i minuti senza vardar l’orloio.
    In compenso pèrò no so mai ai quanti che semo e tante volte gnanche che giorno che xè…SALVA!

    chissà se se parlerà anche de Toio col fior. Penso coetaneo de Nando Baùl el girava sempre con un fioreto e el ghe lo regalava ale mule o babe ch el incontrava.
    Che cocoli tuti e due! Ah, no xè più i coffe de una volta!

  4. Bruno

    Mi lo go visto , ma go 60 anni ….
    Quando el incontrava un can per strada el ripeteva tipo cantilena : dio bel, dio bel , dio bel ….e avanti cussi ….tutto giusto nol iera .

  5. Volevo ringraziarvi per questi articoli.Avete avuto un’idea originale! È bello conoscere qualcosa in più della propria città. Grazie

  6. Siamo noi a ringraziare Alessandro per aver permesso la pubblicazione di questi articoli brevi anche su Bora.La, in modo da permetterne la diffusione anche a chi non usa i social. Grazie Alessandro! 🙂

  7. Bruno Carini

    Mi, che de ani ghe ne go 68, me lo ricordo ‘sai ben. Una sua carateristica jera che el scatarava a ogni paso

  8. livio

    Me lo ricordo ben noi ierimo de s.Giacomo e iera vignudo fora el detto te son come Nando quando uno iera un poco stupidin

  9. Fiora

    @8
    Nando Baùl po’! pensavo inveze che tuti sti personagi border line ma unici nele sue ecentricità, la ga scampada bela che quela volta no usava asistenti sociali e psicologi…sempre con rispeto parlando, ghe mancheria! Però cussì” Contessa” “Sienziato merican” “Nando calendario” Toio col fior”(e spetemo i altri,) i xe restai sé stessi e no i li ga inquadrai e fati diventar un, nissun, zentomila!

  10. Gabriella

    Al dipartimento de salute mentale xe una sua foto. Mi me lo ricordo ben.El vigniva semare in osteria de siora Pina in via Anania n e el ne deliziava con el suo calendario ghe offrivimo un bicer e el andava via contento

  11. giorgio (no events)

    Però, tute ste originalità, ogidì no esisti più! Come mai?

  12. Fiora

    @11 iorgio
    Mah, Giorgio, mi penso perché i ne meti in riga quei che ga studià ste “originalità” a son de psicoterapia…. tuti omologatttti. Resta i odiatori de tastiera. Pitosto omologadi anche quei e niente afato originali

  13. ocio che el comento 11 xe sai vicin a “no xe più le originalità de una volta”, che xe frase de…
    VECI! 😛 😛 😛
    sti qua xe personagi spalmadi nel tempo, nel’arco de 20-30 anni.
    a ocio fra un 30 anni se ricorderemo altretanti personagi che magari ogi che li vedemo quasi ogni giorno no ne colpissi più tanto (o magari no i xe fra i nostri giri abituali e li vedemo poco).
    mi credo che nel 2050 qualchidun farà un articolo su scussa hai un euro, gildo, quel-che-cori-col-sacheto-de-nylon, el-mato-misterioso-rastissimo, caterina (rip, una grande), ciao-uomo-piccolo, ecc.
    e zonto anche dipi che resterà sicuro fra i personagi memorabili con le sue uscite 🙂

  14. Furio

    @10 Gabriella
    In via Ananian iera el bar de Dina, no Pina. Quando per tv iera partide de balon – iera poche tv in casa e el bar iera pien, come per “lascia o raddoppia” – el entrava disendo: – chi vinzi, chi vinzi – e Dina lo “accompagnava” fora.

  15. Furio

    E nissun lo trattava mal, adesso che ghe penso nianche noi muli no lo ciolevimo in giro. Forsi xe anche per questo che qua Basaglia ga funzionà.

  16. @13 Diego. Tipo Sabrina 1 euro. Povera, so che le sue stranezze xe dovude a problemi seri, ma fra 20 anni la sarà anche ela nel catalogo dei personaggi eccentrici.

    Come personaggi più recenti me ricordo anche, tipo 10 anni fa che ghe iera un che somigliava al fante de spade che in orario de scole girava con un zaino fucsia per piazza oberdan.

    O el tipo senza una gamba che chiedeva elemosina la dei portici. Se diseva che cusi ghe ga pagado l’università alla fia.

    O el tipo che fra Strada del Friuli e Prosecco camina a riversa, scalzo e con una bicicletta per fioi.

    eccetera eccetera 🙂

  17. A.

    @16 Sara

    Il tipo senza una gamba di cui parli,lo conosco anch’io ed abita a San Giacomo,lo vedo spesso poverino,che pena!

  18. giorgio (no events)

    Beh, forsi gavè ragion, ecentrici iera, xe e sarà e, pensandoghe ben, no se pol parlar dei ecentrici che xe ogi sula piaza che sarìa come far publicità oculta.
    Ma el mio ragionamento partiva dal fato che nei deceni 50-60-70 el conceto de “normale” iera molto più ampio e se acetava con più filosofia ogni tipo de straneza, el limite però, per quanto lontan, iera invalicabile: oltre se andava in manicomio.
    Desso che manicomio no xe più e, a parole, sèmo tuti più toleranti, in realtà se vestìmo nela stesa maniera, parlèmo con le stese parole e fèmo le stese robe: pensiero unico, po’.
    In fin dei conti, i originali de ogi cossa i fa?
    I domanda l’elemosina? Ma orpo, i poveri esisti ancora, gà dito anche l’istat.
    I se vesti con straze? Nè più nè meno de quei de ITS.
    Bon, per quei con difeti fisici, lasèmo perder…

  19. Fiora

    @18
    ” se vestimo nela stessa maniera,parlèmo con le stesse parole e femo le stesse robe: pensiero unico, po’” OMOLOGADI! te vien sule mie ah, Giorgio?!
    purtropo anche i poveri de ogi xe tanti, inoservadi ,omologadi

  20. Fiora

    vero ,Sara!Su quel senza una gamba che domandava la carità là dei Portici sempre in canotiera e ‘ssai scuro del sol, girava legende, secondo solo alla “Contessa”. Ch’el iera paron de no so quante case ecc. ecc.
    E quel ex scovazin, alto, cavei grisi, sempre vestì de nero per motivi ideologici, ch’el saludava romanamente? Figura anche quela che no passava propio inoservada, tra via S. Nicolò, Mazzini , Piazza della Borsa. Immancabile in prima fila in Piazza ai comizi dela sua parte….

  21. Fiora

    @13
    Diego,Su quei che te ga enumerà, Gildo-ara-che-tette, GIGANTEGGIA

  22. Fiora

    pitosto son in pensier che de un poco de tempo no vedo Emilio, quel barbon con sembianze leonine , cavei e barba rossastri ,educatissimo ma spesso in cimberli, ch’el bazzica Barcola e ch’el va cambiarghe l’acqua ai fiori dei defunti barcolani….

  23. Furio

    E quel che i diseva ex celerin, che girava vizin della questura, vestì “quasi” de poliziotto, e che dirigeva el traffico?

  24. Fiora

    …e che autorevole ch’el iera el celerin! con gesto sicuro e aproprià el fazeva de moto .ti ‘vanti,ti fermite proprio pulito. Magari superfluo, ma senza far casin.
    E el Principe della Notte? altro mistero su sto mato longo cola paruca tuta bucoli neri, vestì elegantissimo,camisa bianca, un bicc verta davanti,colana de ordinanza, braghe nere, mantel genere uomo in frac e bastonzin de bela figura. Afabilissimo. Compariva sempre dopo una certa ora de note, zona Piazza dela Borsa , Speci, Mandracchio….mah! altro mitomane genere Contessa.
    Sparì!
    E quel che lavorava de Smolars , fatorin penso. sempre de furia,sempre incazà, caminando a scatti, e parlando de solo.

  25. A.

    @24 FIORA

    Anch’io spesso mi chiedo che fine abbia fatto il “Principe”,personaggio inquietante,con parrucca nera e abiti d’altri tempi…ma poi chi era veramente?Io ero piccola e credevo che fosse davvero un principe…..invece ……

  26. Fiora

    25
    eh chissà! forse il nostro Alessandro, benemerito “colpevole” di aver sollevato il coperchio del forziere dei nostri ricordi , ci potrà illuminare su vita e miracoli del Principe della Notte ( “morte” omesso, auspicando che sia ancora tra noi!)
    … dopo che gli avremo dato tregua con questo fuoco di fila i rimembranze assortite e ci metteremo buoni ad aspettare che sia lui a pubblicare il prossimo ritrattino a sua insindacabile scelta.
    se” ero piccola” come facevi a vederlo? bimba precoce e evoluta?Perché in diurna l’ho visto una sola volta in Viale. Per il resto è stata una costante presenza ,( per carità solo visiva e raramente vocale) ma delle mie prime uscite notturne, quando promettevo di rincasare a mezzanotte come Cenerentola e mancando regolarmente di parola, facevo le due. Quelle due ore di esubero le pagavo carissime con pantofolate sul gobbo da mammà e invettive paterne che suonavano più o meno così: xè mejo che no te toco senò te rovino…

  27. A.

    @fiora
    Beh non ero di certo una neonata,……..l’ho visto un paio di volte in piazza Goldoni,che paura……non capivo se fosse un attore travestito da chissà cosa o un matto mah………poi mai più rivisto…..forse avrà cambiato città o look…..

  28. A.

    @fiora
    Questo Principe della notte si muoveva anche di giorno….perchè io l’avevo visto in piazza Goldoni mentre uscivo dal supermercato Bosco insieme a mia mamma e poi ancora qualche altra volta…..

  29. Fiora

    …come la polvere del tempo si stratifica sui ricordi….però pian piano mi torna in mente d’aver letto sul nostro Bugiardello che” il Principe della Notte” (così ameno era noto in giro) a fine carriera avesse avuto dei guai con la giustizia , forse truffa?( brr, non vorrei essere incriminata per diffamazione…di chi poi ? di una persona di cui non ho mai saputo il nome).
    Me ne ero stupita. Dei rari rispettosi approcci casuali,ne avevo tratto l’impressione che fosse in tutto e per tutto …un principe!

  30. EchoSierra

    Me sa che gavè fato un casin de prima categoria.
    La foto in alto xe de Nandon Palombaro, toco de Marcantonio che girava per Cavana e el fazeva tapa ne le osterie de via Capitelli (de Tore o Al Papagal) o in via Crosada de Baldassarre. Ogni tanto el finiva a San Giovanni opur in Coroneo, iera la sua maniera de trovar un rifugio e de magnar una calda ogni tanto. Quando che el gaveva deciso de finir “dentro” (indiferente dove) el se distirava in mezzo a Piazza Goldoni blocando el trafico e spetando la polizia o la croce verde. El xe morto a metà dei anni 60, forse all’inizio.
    L’altro iera Nando Calendario, quel che conosseva tuti i santi, le ore del giorno etc. etc. e girava intorno a piazza Perugino dove che lavoravo mi (ma lo go intivà anche a Barcola) e iera la fin dei anni 70. Sti due, in comune, gaveva solo el nome.

  31. Furio

    El casin xe solo con la foto sbagliada, difatti tutti parlava de Nando Calendario, o Nando Susta.

  32. Fiora

    …o Nando Baùl, indiferente! Ma tuti de quel Nando che dava i numeri!

  33. Ivan

    Abbiamo anche quello che gira con i capelli tipo rasta, che sembra ben vestito ma se lo guardi da vicino vedi che i vestiti non sono pulitissimi. Sempre pieno di borse, una anche tipo da medico. Non da nemmeno fastidio a nessuno se non solo per osservare, alle volte si incanta a guardarti senza dire nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *