Pupolo di Marco Englaro
19 giugno 2018

Nati soto el segno de l’aquario

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

I nati soto ‘l segno de l’Aquario i xe cussi’ diferenti dei altri tanto de no poder esser misurai col solito brazoler (ogidì metro), ma col litro e se xe un litro de quel bon, tanto meio!
A l’Aquario ghe piasi intrometerse ne le robe che no lo riguarda e cussì el finissi per combinar un mar de scopole spece se piovi e se intasa le fognature.
Per l’aquario xe più importante far ragionar un omo che farlo magnar… no gavemo statistiche bastanti per saver coss’ che nassi se lo vol far bever.
I nati ne l’Aquario i riessi ‘ssai ben ne le robe artistiche soratuto pitura, balo, musica e cine… basta che no i vardi tropo la television!
I nati ne l’Aquario i ga el dono de l’amicizia perchè no i xe gelosi e gnanca possessivi. I xe ragionevoli e generosi e i sa subito bilanciarse fra ‘l dar e l’aver, roba ‘ssai utile per riciclar i regali de Nadal de l’ano indrio.
I nati ne l’Aquario i xe ‘ssai onesti e i trata el soldo, se xe el proprio, co’ la più granda cura.
Le done Aquario le xe sensibili e, forsi, le più cocole del mondo, le xe piene de interessi e no ghe capita mai de dubitar dela fedeltà del marì (mi lo stesso stassi atenta!)
Anca i marì Aquario i xe gentili e generosi. Come amanti i xe fredini ma con la molie i fa el loro dover (mi, a ogni bon conto, go sposà un Sagitario).
E dopo el caratere, ve conto e digo che per l’aquario el 2018 sara’ un ano storico tanto che l’aquario gavera’ ‘diritura voia de moverse, de darse de far, e anca un tantin de voia de stuzighezi e… de no andar drio le regole per far i fati propri!
In amor ghe vol un poca de pazienza e dopo el mese de magio se lo gave’ … a tuto sprint con le cocole ma… ocio a le cicogne!
Se lo spetè… sarè premiadi! Ma me racomando bisogna sempre darse un poco de far, perche’ come se disi, iutite che Dio te iuta!
E se gavè el cuor in tochi…. gnente paura ricordeve che el cuor xe un muscoleto ‘ssai elastico!
A la va là che te va ben co’ la salute ma, sempre dopo magio, sarè bei, sani e contenti de esser al mondo, cossa volè de piu’?
Po’ per quanto riguarda el lavor: se lo gave’ … avanzamenti de cariera e afari de oro! Se ‘l lavor no lo gave’… continue’ a zercar che, dopo magio, se proprio lo volè lo troverè! E se lo gavè perso o molà…. gnente paura serada una porta se verzi un porton!
Soldi …no se pol miga gaver tuto al mondo! E po’ gaver de far co’ le banche?! Meio pochi e se vanza via soto el stramazo, come fazeva nona!
Ma ste contenti, che San Giusto ve varda!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *