15 giugno 2018

Magnar ben per bon: panada

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

“No xe ‘l mantegnirve che me spaventa, ma ‘l contentarve”, ga dito Cristo ai sui Apostoli e, figuremose, se no’l iera bon lu’ de contentar i sui, come farò mi a contentar voialtri, anca se, dato che me stè qua a leger, vol dir che de spignatar no gavè tanta pratica.
Per de sora, dopo gaver spignatado come fazo mi, che no ve lampi el spurio de vegnir a lamentarve che no iera bon quel che ve gavè conzegnado de far voialtri, perché spignatar xe un’arte che no se devi far a la tipondàu, ma: co’ roba bona, che bisogna comprar; co’ santa pazienza, che bisogna trovar e co’ soramanigo, che ghe vol doprar. E quel, se no ve lo ga dado mama, no ve lo posso dar gnanca mi.
Ben bon, desso che me gavè conossù, e gavè visto che son na coga de fin, ve devo dir ancora un per de robetine: prima de pastrociar in cusina ghe vol lavarse le man (in spezial modo se prima gavè conzimà l’orto) e meterse suso la traversa (perché l’oio co frizi ghe fa grizoli a la pignata, che la ga el bruto vizio de scoderselo de dosso). Fati sti primi passeti podè andar rente le pignate e zercar de trovarghe el manigo a la farsora, stando in campana che la sia sempre negra de fora e lustra de drento.
Ma ocio, ch’el difizile sta nel scominciar! E lora, per farlo a la granda, ricordeve che tuto quel che va drento la pignata, devi esser rilevado con riguardo, cocolado, carezado e tegnudo a fogo basso e, co digo basso, voio dir propio che el boio devi esser un sospiro de angelo e no un ansimar de drago!
E no dismentigarve che col sal e zucaro no ghe vol stranfar, che l’amaro xe per i vermi e ch’el dolze rovina i denti!
Jesus! A forza de cicole e ciacole me son dismentigada de mandarve a far la spesa! Spero almanco che in credenza gavè
20 DECA DE PAN SUTO
2 LITRI DE AQUA DE SPINA
2 ROSSI DE OVO
2 CUCIARI DE OIO (extra vergine de oliva e no oio de machina)
SAL E PEVERE
alora podè impignatar una bona panadela! Logico che se trovè anca un dado de brodo de galina e un tochetin de formaio de gratar, la panadela diventerà una siora panada o, per chi parla in cichera, pancoto.
Metè a boir do litri de aqua, zonteghe el pan vecio taiado a tocheti con oio e sal. Ma se doprè ‘l brodo de bechi, ricordeve che ‘l xe za salà e saltè sto particolar. Dopo zirca meza ora tirè via la pignata del fogo e ghe zontè, missiando a la svelta, i do rossi de ovo, che gaverè za sbatudo prima col piron in un piato fondo, magari co’ un pizigo de formaio de gratar.
Pevere quanto basta, senza dismentigarse che xe meio portar in tola poco e bon, che ‘ssai e cativo!
E che basi, bori e buzolai no ve manchi in tola mai!

Tag: .

7 commenti a Magnar ben per bon: panada

  1. Fiora

    eh! de picia, le monighe me dava….solo che siben che la reta de sto ” istituto per fanciulle di buona famiglia” fussi salada come sardele soto sal, sparagnine come che le iera le se “dismenticava” de meter i ovi e de oio (chissà se de oliva…) le meteva el minimo sindacale.
    Risultato: sta panada eclesiastica ,iera un pancoto che le prime cuciarade le me le petava a forza zò pel gargato e dopo averme provocatoriamente dimandà, visto che buono?! le concludeva,ora fai un fioreto e continua tu e pensa ai bambini che sofrono la fame. invariabilmente ghe rispondevo e perché non gli date sta panada ai bambini che sofrono la fame?. Una moniga tedesca (più pestifera dele altre, che le iera quasi tute francesi) una volta la me ga tirà la recia sentenziando, pampina viziata e insolente! tu no fuole panata? tu salta!

  2. Fiora

    …mi dela panada low cost zo pel gargato e del zucon dela recia gavevo fifà con mama, ma a diferenza de ogidì che i genitori fa sempre lega coi fioi, mama fazeva lega cole monighe, che sì che i poveri bambini che sofrono la fame, altro che tu che no ti manca late di galina e vanti co ste loiche che me gavevo pentì de verghe contà.
    In quela volta no esistiva telefono azuro e po’ iero cussì picia che no gaverìa savesto telefonar e masimamente de scondon dele monighe e de mama…

  3. Bon dia
    è il risultato finale della vostra panada simile alla panada di Mallorca?:
    https://ca.wikipedia.org/wiki/Panada

  4. Fiora

    ciao pep bru, del poco che riesco a tradurre, la differenza sta nella materia prima. pane raffermo nella nostra panada.Farina, nella panada foresta de Mallorca.
    Intuibile l’utilizzo “virtuoso” da parte triestina (grr. pure emiliana,come ho scoperto!) degli avanzi di pane, arricchito a norma del protocollo Vidiz di uova, olio extravergine d’oliva, spolverata di formaggio….ingredienti accessori di arricchimento,del tutto negletti nella citata panada monastica incubo della mia infanzia.
    In sintesi, per come la vedo io la panada tergestina è un riciclo. trionfo dell’arte di arrangiarsi delle nostre massaie…pure en tiempo de hambre. La panada de Mallorca e le empanadas mi appaiono piatti creati sin dall’inizio per diventare quel che sono.

  5. Grazie Fiora

    (e puoi rispondere in triestin, se vuoi: mi piace ed è una delle ragioni per cui entro ogni giorno in questo web)

  6. Fiora

    @5
    ah cussì la xe’?! Ciapa per eser un bicc ospitali… vanti col patòco a tuta forza, ‘lora…E ciau pep bru!

  7. Fiora

    …intendevo che me iero espressa in gramatical per eser ospitale con gente foresta come ti.
    Noi dela scontrosa grazia,no semo miga come i albionici che pretendi che te ghe parli in correct english e i ga coragio de fermar el volonteroso foresto che se inzegna, con un ragelante “pardon?”, come dir ara che no go capì un un klinz.
    ma”… se piace come un ragazzaccio aspro e vorace…” no se femo pregar de sicuro a parlar e scriver nell ‘ amato idioma local.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *