14 giugno 2018

Voleria far l’ator: no per hobby ma per lavor

el sunto “Cossa te fa de lavor?”, risposta: “l’ator”, ridada: “Sì va ben, ma de lavor?”. Piccolo excursus sulla considerazione per gli attori nella storia.

Parafrasando una canzon dei THC volessimo parlarve ogi de cossa succedi quando che i ne domanda cos’che femo de lavor. Una dele frasi de circostanza che se fa quando che se se conossi xe “cossa te fa de lavor?”, risposta: “l’ator”, ridada: “Sì va ben, ma de lavor?”.
Insoma, ‘sai gente ga dificoltà a veder quel del’ator come un mestier. In fondo quel che se vedi xe un per de lori trucadi e vestidi come paiazi che se disi robe e fa robe e che passa tuto el tempo a bever e magnar (una de queste robe podessi esser vera). No ga gnente a che far col vero lavor, quel che te fa sudar come el banchier, l’operaio in cava facanoni o el FESCION BLOGHER (quel sì che xe un lavor).
Eh, ma no xe sempre stado cussì. Una volta iera ‘SAI PEZO!
L’ator xe sempre stada una figura strana coi sui alti e bassi. Presempio volendo tornar indrio, ma ‘sai indrio, rivando fin al tempo de Eschilo o Sofocle, l’ator nel’antica Grecia iera un figon, un sacerdote degli dei, squasi sacro, un poco come el corier de Amazon ogi. Tuti nele polis spetava solo che quel, poder veder le grandi rapresentazioni, la più grande difusion dela cultura (come adesso che i se trova tuti a veder i mondiali de balon). Bel dirè voi, ma come la storia insegna i greghi no ga durà in eterno. Infati co xe rivadi i romani ghe xe stà un ribalton. Disemo che i atori no iera benvisti, gente con poca creanza, nomadi e pu.. pu… putele alegre disemo. E dopo no ghe xe andada meio: nel Medioevo per voler dela cesa che controlava tuto, no i veniva gnanca sepelidi in tera consacrada. E de vivi no iera meio, girovaghi e senza patria.
Po le robe xe andade un pochetin meio, xe nate le prime compagnie riconossude, xe stadi costruidi grandi teatri. E per qualchedun xe iniziada l’era del lusso. Xe rivà el cinema che ga trasformà zerti atori in divi. Tute le mulete che voleva esser come Marlene Dietrich e tuti i muli ga inizià a fumar come i divi del cinema. E po se xe finidi fin in television, e no serviva gnanca uscir de casa per vederli, mentre i promuovi balsami per i cavei o ociai de sol (ve ricordè l’articolo sui spot?). Chi de voi no ga comincià a magnar zerti biscoti dopo che Banderas ne ga dito che i ze “inzuposi”?
Insoma, no sarà el mestier più vecio del mondo, ma ga anca questo ga la sua storia. E come pol esser che l’IMPRENDITRICE DIGITALE, nato ieri l’altro, sia un lavor e l’ator no? Anche se xe chi ghe ga dedicado la vita e chi per guadagnarse quel’aplauso ghe meti mesi e mesi de lavor.
Se rivederemo fra quindise giorni.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *