Pupolo di Marco Englaro
12 giugno 2018

Come che se fa cussì se ricevi

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Fora del can, che xe la sola bestia che no ga bisogno de dover lavorar per viver. La galina la devi far i ovi, l’armenta la devi far el late, el gato el doveria (sempre se ‘l xe de voia!) ciapar i sorzi, i porchi, povareti – co i finissi de buligar – i ne lassa persina le crodighe, e ‘l canarin el devi almanco cantar! El can, no ‘l dà l’ovo, no’l fa el late e no ‘l lassa gnanca in eredità luganighe e porzina, ma – lasseme dir – el ne dà la più bela roba che i omini pol dar e ricever: l’amor.
Mia nona diseva sempre che “amor fa amor, crudeltà distruzi amor”, ma quanti de lori se dismentiga che” in sto mondo xe tuto un andar e un vegnir” e inveze de interessarse almanco un bic’ al ben dei altri, i pretendi che sia i altri a interessarse a quel de lori, cussì che a la fin nissun dà e nissun ciapa gnente, e tuti i resta fregai! Meio tegnir ben in amente, che “duro con duro, no fa bon muro” ma, inveze, “volerse ben no costa gnente e rendi ssai”.
Mi scometo che, anca qua a Trieste tuti, dal castragati al sindaco, i riessi a no gaver tanta “scontrosa grazia” per chi che ghe mostra simpatia e afeto. Anca se xe pezo esser conossudi per tropo boni. Ma mi no ve digo miga de far come Marco Paparela! Benedeti, ghe xe sempre un limite a tuto, no solo a la providenza!
Mi solo ve ricordo robete – che tuti i sa ma che pochi i fa – come quela che, se volè farve dei amizi, dovè scominziar a pensar che no dovè solo pretender ma anca dar, e per dar se devi perder tempo, esser pronti co ‘cori, dar ‘na man co servi. Solo na man, me racomando, fora de prestar bori, molie e ombrela, perché – co zerti tipi de prestiti – se finissi col perder la roba e i amizi, e ‘lora?
Alora cossa? Per trovar un vero amico che val un tesoro, ghe vol aver in man na mapa del tesoro original, ma savè quante copie de mape false che ghe esisti al mondo? A ocio e crose mi diria che ghe xe più imitazion de mape del tesoro, che de borsete “Luì Vuiton”!
A sto punto, xe più zerto che sicuro, che salterà fora el solito che sa una più del libro (pian, pian, meteve in fila, no cori sburtarse) pronto a dir la sua: “Bon, ma… se xe vero che “come che se fa cussì se ricevi” xe anca vero che quel che ‘l ga dado na sberla el dovessi ricever indrìo na s’ciafa! E come la metemo lora co quela che Cristo ‘l ga dito, ciaro e s’ceto, che se devi presentar l’altra ganassa?” Beh, come che se disi, no se sa mai perché “fora de un cativo principio pol saltar fora un bon fin”… e se sto bon fin no ‘l saltaria fora? No podessi voler dir altro che: numaro un “xe passado el tempo dei miracoli”, numaro do “a chi le ghe toca le xe sue” e numaro tre: “Dio ga dito: iùtite, che te iuterò anca mi”. Ma sicome “no bisogna entrarghe ne le question de famea”, meio lassar perder sto punto, anca perchè, seben i pari dovessi saver sempre più de fioi, xe ciaro che “i padri eterni i fa i fioi crocifissi”.
E ‘ndemo co na rizeta de fin: Ciolè diese deca de soriso verto, venti deca de soriso s’ceto e trenta deca de soriso de cuorisin. Ognidun de ‘sti sorisi el va sbatudo, missiado e impastado ben pulito drento el vostro modo de far e po’ doperado a sbregaboca, per tuto el tempo che volè o podè, perché un soriso no ‘l va mai de mal. Un soriso el va presentado sempre ben caldo, perché se volè che i altri i sia contenti de star con voi, dovè far veder che anca voi se contenti de star con lori. Come che ‘l prezemolo va ben co tute le ricete, el soriso va ben in tuti i momenti e, per de sora, ga de bon che no lassa scovazete verde fra i denti. Che po’ in sto caso voleria dir che ‘l xe un soriso de magnera, de spudar via de boto, perchè el soriso falso el xe velenoso pezo de la cicuta!
Un soriso no se vendi nè se compra, no se lo pol cior in prestito e no ‘l costa gnente ma a volte ghe se lo pol rubar, magari a quei tegnosi, che lo tien sempre soto ciave! Un soriso porta alegria in casa e fora de casa. Tegnì sempre pronto un soriso per chi incontrè per le scale o in strada, per chi servè o per chi ve servi, per chi ve xe simpatico e – perché no, po’ – anca per quei che no podè veder… forsi xe la volta bona che ve se verzi i oci!
E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

3 commenti a Come che se fa cussì se ricevi

  1. Fiora

    ” volerse ben no costa gnente e rendi ssai” i me contava che xe per questo che i lussignani ( notoriamente col brazeto curto) i xè contro el divorzio.
    Sempre viva s. Giusto e sempre col soriso, natural!

  2. giorgio (no events)

    Bon, noi de “rivoluzione gentile”, de doman saluderemo tuti col soriso. Se vien, anche el ministro del’interno…

  3. Fiora

    @2
    ah in politica la butè vu?! volè proprio che torni a farse vivo el fijo predileto dela madre dei cretini?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *