11 giugno 2018

Nate dei refoli de bora:

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

SUL MADURAR DE L’ORA
Sul madurar de l’ora,
che le galine
se indormenza su la cova,
nono tornava indrio
de la campagna,
in quel che verzeva ‘l ciel
una stela nova.
Stanco,
se ga sentà rente el mureto
impizandose la pipa,
int’el calar del sol
che indorava el formento,
come i cavei de nona
al suo inamoramento.
E in quel, fra le spighe
ghe xe corsa incontro nona
vestida dei sui più bei ani.
Come le spighe bionda,
lo ga basà in fronte.
Se ga studà de sola
la pipa,
prima che i grili i cantassi
a la luna.
Edda Vidiz

MA NO GO ANCORA VOIA

Andar via cussì,
lassando polvere sui mobili
e fregole per tera.
In zito, senza avertir nissun
molar le zime
de la mia vecia barca
e alzar la vela.
Co la bandiera de rispeto issada
navigar nel grando mar
dei più, senza vardarme indrio.
Sarìa un bel morir,
ma no go ancora voia.
Graziella Semacchi Gliubich

EL VALOR DEL SOLDO

Gaveva ‘na mania, povera nona,
de vignir rente a distudar la luse
perfin se con bicieri, fiasche e piati
per pareciar se andava ‘vanti e indrio.
I diti pronti su l’interutor
la brontolava sempre: “Mani sbuse!
No se conossi qua el valor del soldo!”
“Strazar xe sempre sta’ pecà de Dio!
Sparagna lire e te farà el milion!”
E in mezo al scuro la ne sprofondava
pronta e decisa là come el destin.
El strano xe però che de magnar
ssai ben ghe andava un giorno la fetina,
e un altro rosbif, opur capel de prete
e cussì el vin, che irobustissi el sangue,
meio se iera sempre del più fin.
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *