Pupolo di Marco Englaro
5 giugno 2018

Nati soto el segno dei pessi

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

April ogni ioza un baril: e za che coremo el ris’cio de star in smoio, ve conterò do robete sora de quei che i xe nati soto el segno dei Pessi, che xe un segno de aqua. Mio marì – che come tuti i mas’ci dominanti el sa tuto – el pensa inveze che i xe un segno de fogo perché anca se i nassi int’el’ aqua xe là, int’el fogo, che i mori! Va ben che no tuti i Pessi che i va al bagno a far un tociada i sa star ben a gala… ma anca l’ancora la sta sempre in mar, e no la se ga mai imparà a nudar!
Zia Maria, che la se ga sposado zio Bepi, che ‘l xe un Pesse, la disi inveze che no xe question de aqua o de fogo, ma del fato che i xe busìardi! No la se dà pati che ‘l Bepi – co i iera morosi – ghe butava sardoni vardandola con do’ oci de sepa lessa e ‘desso, i sardoni inveze de butargheli el ghe li porta, ma solo perchè la ghe li fazi in savor, come che li fazeva la sua povera defonta mama (che per zia Maria inveze iera quela bruta veciaza che, meno mal che ‘l Signor ghe ga brazado l’anima, perchè se no ghe tocava a ela far del Bepi un orfano).
Netuno, che governa el segno dei Pessi, li fa co la testa un ninin per intrigo, ma pieni de bon cor, bei e cocoli, anca se gnampoli e per de sora un fià fifoti. Ma no proprio momi, defati guai a dirghe al Bepi che se sta mal, perché lu’ subito el se senti un dolor, ma un dolor proprio ugual, roba de fin de vita…solo che per guarirse no ‘l vol dotori ma fiaschi de vin!
I nati nei Pessi i xe ssai bravi come sonadori, poeti, ministri e dotori, meno mal che no tuti i malai i xe come Bepi, che se no, sti ultimi pochi afari i fazessi!
Nel mondo dei afari i Pessi i xe portadi a gaver de far coi liquidi come trasporti maritimi, petrolio, vin, oio, e ben che mai, perchè “mercante de oio, mercante de oro”!. Ghe piasi le robe che ga de far co la magia, i truchi e i costumi, specie per Carneval. Le statistiche no le disi, ma xe de no creder quanti Pessi che va al carneval de Servola, Rio e Muia. A Servola e Muia po’ i va anca ben se friti in fersora.
Ai Pessi ghe piasi ‘ssai viagiar e se no i lo pol far con l’aeroplan, i lo fa co’ la fantasia, come Bepi, che ‘l xe istrian e che cussì no ghe costa gnente e se no ‘l godi, va ben istesso, basta no spender!
I Pessi i xe bei de natura (no so come la metemo co’ la scarpena), ma i taca a ingrassarse coi ani perchè i magna tropo, i bevi tropo e no i fa ginastica, senza contar po’ la menopausa co le mulze, e l’andropausa co la panza!
I nati nei Pessi i devi star ‘ssai tenti coi amizi e ricordarse ben che “se fìdite’ iera un bon omo, no state fidar iera meio de lui”. No xe che i devi star sempre soli o contentarse del lume e l’oroloio, che i xe meza compagnia, ma solo tegnir ben inamente che chi va a dormir coi cani el se alza coi pùlisi.
I Pessi ama i sui fioi specie se no i xe pianzoti e viziai, perchè lora xe meio portarli dei noni, che i ga più pazienza.
Come soci i Pessi i xe perfeti … perché i xe furbi e i sa che roba fata in furia no la val un tubo. Po’ ne i afari bisogna crederghe a tuti e no fidarse de nissun e, sora de tuto, star ‘ssai atenti de no darghe la pegora in guardia al lupo. Ma gnente paura gente, qua stemo parlando de Pessi, e chi ga mai visto un pesse farghe la guardia a una pegora?!
La molie Pessi no la xe una Pimpinela, ma ssai brava a far la dona de casa, ancora meio se in quela de le amiche, dove ghe piasi ‘ndar a tambascar e dove che, cìcola e cìacola, qualchevolta vien fora anca un poco de verità perché, se sa, un poco de verità fa creder la busìa. Zia Maria disi sempre che la roba sporca se la lava a casa, grazie tante, ‘desso che no se fa più la lissia in mastela!
El marì Pessi el xe ‘ssai cocolo, proprio un cavalier pien de bei pensieri per la molie. El ghe porta anca fiori almanco una volta a l’ano, sora de tuto se ‘l xe vedovo. No ‘l xe ‘ssai sparagnin, perchè el sa ben che co sparagna el pare, spaca el fio! E no ‘l ga gnanca torto perchè, ricordemose ben: un pare mantien vinti fioi, ma vinti fioi no mantien un pare!
Se, come che se disi, se devi lassar dir e far a chi che xe de l’arte, come la meto desso, dato che no go mai fato un oroscopo in vita mia, e gnanca ghe credo… ah sì, che me sovien: falando se impara e…..
che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *