Pupolo di Marco Englaro
29 maggio 2018

Saludar xe cortesia, risponder xe dover

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Saludar xe cortesia, risponder xe dover: e cussì ogi ve parlerò de la creanza, ma no de quela bona, perchè la bona creanza xe na roba natural, che tuti dovessi gaver a capelade. Ma de la roba che va ben no xe nissuna goduria a parlarghene. Alora mi ve parlerò de la cativa creanza, quela che ahinoi, la ga ormai squasi tuti, dai questurini ai castragati, dai dotori ai malai, dal paron al bubez e par, che a Trieste, ghe ne xe un futio (no de bubez, ma de “scontrosa grazia” , Jesus come ‘l saveva dirla ben sto Saba!).
E ‘lora eco qua un par de esempi de “scontrosa grazia” de gente, che ghe se sbati contro più de sovente: botegheri, tassametristi (che no xe quei che te misura le tasse, ma saferi de piaza), paruchieri, camerieri (go usado solo el maschile perché, per spirito de corpo, me piasi pensar che le done sia meno sofistiche dei mas’ci , anca se, Orco Tron, no xe dito!).
Bon, tanto per scominziar ve conto de quei che ‘na volta stava drio del banco, ma che ‘desso i sta de tute le parti fora che andove speta ‘l cliente. Per farve ben intender: l’altro giorno son ‘ndada in ‘na botega de roba sportiva. Va ben che vederme mi in ‘na botega de quele, xe come veder un bastardin bastonà in una competizion de cani de raza, ma insoma i mii euro val quanto quei de la Granbassi e, almanco, andar in cyclette posso anca mi! Ben, bon, entro: quel de la botega el xe proprio visavì de mi, come in un duel de spagheti western, el me varda drito in tei oci, co’ do oci de iazo… bon che inveze de premer el grileto del fusil de pesca, che ‘l tigniva in man, el me ga voltà le spale e ‘l se ga meso a fissar fora de la vetrina. E mi, savè cossa go fato? No ghe go dito muss, perchè go bona creanza, ma son ‘ndada a casa e me son comprada la cyclette in internet. I me la ga mandada in un per de giorni, portada fin dentro la porta e col spedizioner che, co ghe go firmà la ricevuta, el me ga dito grazie!
Po’ no ve conto e no ve digo, sicome mi go un bic’ de dote del Friul, no posso gnanca meter el pie dentro ‘na botega de straze! Mi digo che le babe che lavora in ‘sti negozi le devi gaver le antene anticiciotele, perchè no le me gnanca varda ma, con granda degnazion (forsi perché, anca se la botega xe piena come el deserto dei Tartari, se osa disturbarle per gnente) de boto le me fa “no gavemo la sua talia!” Cussì me toca andar fora de Trieste, andove xe tuto un “la se comodi, de quà – la se ‘comodi de là” con de sora un bel soriso, andove i me mostra de tuto e de più, trovo sempre qualcossa che me va ben e me sento ‘na modela (va ben, no cori zercar el pel ne l’ovo, ‘na modela se fa per dir!)
E i tassametristi? L’altro giorno vegno fora de Catinara, el safer del primo tassametro iera incolado al telefonin, ‘lora – per creanza – vado de quel drio, el qual co’ un moto de “la xe insempiada, no la vedi che ghe xe quel davanti?” el me rimanda de l’altro. Ben, bon, monto suso e sto qua, sempre col telefonin tacado a la recia, me domanda a moti dove devo ‘ndar e po’ el parti come un sputnik. Per tuta la strada el continua a far ciciole e ciociole co la tipa che iera in linea e che, a parer mio – anca se no stavo a scoltar, che no xe creanza, ma la situazion iera int’el’aria – no la ghe voleva molar qualcossa che de solito i omini i se speta de dirito dopo ‘na zeneta romantica! E ga smesso la telefonada un bic’ prima de rivar al mio porton e mi – in malora sta creanza – no ghe go dito gnente, ma… che contenta che iero, che quela sera el mato gaveria dovesto magnar in compagnia del gato!
Desso ve conto del mio paruchier. El sta ore per cambiarme i cavei de color (mai la tinta che volessi mi), li lava come ch’el fazessi la lissia, el ghe zonta per de sora un qualche “amorbidente” che mi no voio, el struca, zuca, petena, spetena, laca e a la fin mostrandome in un solupro con un speceto el de drio dela cavelada: “Voilà!” el me disi “Beelllisssiiiima!” E mi, che me vedo coi cavei che par quei de Gepeto ‘pena scampà de la panza de la balena, sicome go bona creanza, no son bona de dirghe de no far tante mignognole, e de cavarse el persuto dei oci! Ste forsi pensando perchè no cambio paruchier?? Bravi voi, e dopo, dove trovo qualchidun che me disi “Beelllisssiiiima”??

E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

15 commenti a Saludar xe cortesia, risponder xe dover

  1. Fiora

    zà! Una parola bona el brivec domacio el la tira fora per giustificar la parcela de primario per do penelade de color gnanche intivà e la famosa “spuntatina” a sti quatro pei . dioguardi a permutarlo con un co’ un cinese. Saria proprio el mejo modo x serar el cercio dela scontrosa grazia.
    Se gnente no i ga in comun con noialtri, i ne xè intrinsechi ne l’algida mussagine tipica dela nostra gente che xe stada magistralmente sotolineada in sto toco tranche de vie triestine patoque.
    I xè scostanti altretanto dei nostri conzitadini, tanto che i par doc come i nativi…. ma almeno costa de meno!

  2. giorgio (no events)

    Bon, anzi: mal. Dove xe andà a finir la creanza de una volta? No xe creanza nele boteghe, ma meno de tuti in politica; no xe creanza per strada e gnanche marciapìe, nelo sport po’, meno de tuti.
    Come xe stà che sèmo diventai tuti più barbari (iera un bel libreto de Baricco), selvadighi e, con rispeto parlando, incazai?
    Chi de altri loghi vien qua, ogidì, se adegua al modo de far nostro e via. Mi, me farìa piazer andar controcorente e far “la rivoluzione gentile”. Xe ancora qualchedun che ghe credi o son restà solo come quei giaponesi nela jungla?

  3. Fiora

    @2
    femo un Movimento, Giorgio ? per desso le stelle fussimo solo in due,ma son sicura che rivemo agevolmente almeno a…sei o sete!

  4. giorgio (no events)

    Podèmo far un movimento, ma anche star fermi. Xe zá bon che semo in due, ma rivemo a esser cinque stelle, mi me ciamo fora…

  5. Fiora

    se go dito che ‘ndemo oltre, sie o sete al manco, orpo!…sempre con creanza parlando!

  6. Fiora

    rivisiteria la mai abbatanza citada scontrosa grazia , con el modelo 2018, trasformando l’agetivo in sostantivo e viceversa. Col passaggio a scontrosità graziosa, podemo rotamar l’agetivo, lassando scontrosità tout court. …e del antico dna,solo quela ne resta !

  7. Fiora

    trasformar la scontrosa grazia, in scontrosità , me par chirurgia ‘ssai de moda.
    cambio de genere con amputazion, come dir!

  8. John Remada

    Giorgio!!! Non dire così, sei anche tu governato dal “nemico”!!! Ma vedrai che avrai un ottimo trattamento ,come le convenzioni intimano! Non disperare….c’era una volta una trasmissione che si chiamava “Non è mai troppo tardi” ; puoi ancora essere dei nostri!

  9. Fiora

    “risponder xe dover” ? necessariamente de l’interpelado? penso de chiunque, davanti a un scritto pubblico inaproprià come el post 8 ,stonà con l’argomento come una campana.
    el sovrastimado sig.r Costanzo cosiddetto dott., tra una banalità e l’altra, indulgi spesso nel detto che segui, beninteso no suo .Mi me ne approprio una tantum, perché lo trovo indicà :
    ” la madre dei cretini è sempre incinta”.

  10. giorgio (no events)

    Per sbassar i toni, restando in argomento e aplicando al caso concreto: “El comento fa de l’essere umano un comentator (o comentatrice), la creanza lo fa signor (o signora)”.

  11. John Remada

    [email protected] dai punti di vista…..dal momento che ti ho messo al tappeto più di una volta , non meriti neanche risposta. Quanto alle madri degli altri ,forse è meglio pensare alla propria , verificare l’intelligenza del pargolo/a non è poi così facile, credo impossibile nel tuo caso visto lo scarso acume che hai dimostrato fino a ora nel classificare questo o quello in questo sito. In una decina di anni di ciarle su questo sito, non hai ancora capito che nessuno ti ha mai chiesto di rispondere a nome di altri, e ogni volta fai figure assai appassite.

  12. John Remada

    [email protected] Giusto Giorgio….chi tira in ballo le madri ,in questo caso commentatrice …..è già troppo darghe la gradazion de scovason , anche tropa bontà.

  13. John Remada

    @13 E chiudo del tutto il discorso con la comunicazione che ho dato la disdetta a Telecom ,alla breve mi libero del web. Del resto sono ancora legato a una mail già chiusa con questo sito, quindi….così lasciamo l’incompiuta a dialogare con i fantasmi ,visto che del resto non c’è più nessuno , la tenzone è tutta mia per abbandono dei rivali! A mai più gente.

  14. Fiora

    @1
    ” alla breve mi libero del web”…. più realistico il contrario. …notiziona per il web!
    Minaccia o promessa? il guaio è che l’a volte ritornano si è puntualmente realizzato nel caso del “signor” commentatore Remada!

  15. @John Remada come xe, dei? No stame dir che dovemo blocarte per davvero? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *