Pupolo di Marco Englaro
25 maggio 2018

Magnar ben per bon: fritata de pomeranciis

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Ma cossa ne conza desso sta baba penserè voi, ma xe fazile: una fritaia de naranze che se fazeva za ne l’ano 1430, co sior Giovanni de Bockenheim cusinava pel papa Martino V. No so dirve se sto sior Giani meteva per scrito le sue rizete per tramanderle ai posteri o, come fazo mi, per no dismentigarsele!
El bel ve xe, che lu no’l se preocupava de scriver per fil e per segno le rizete, ma de scriver, puntin per puntin, per che tipo de gente andava ben quel piato, indicando sia la posizion sozial, che la nazionalità.
Per esempio sta rizeta, che la xe bona, ma no proprio de far “andar sui copi” la ga indicada propio giusta “pro ruffianis et leccatricibus”. E anche se mi e voialtri no femo parte de ste categorie, la rizeta me par bona e ve la digo, se po’ voi volè o no volè prepararla, xe afar vostro!
Ma, un tanto per dimostrarve che ve la conto giusta, ve la copio tal qual come Sior Giani, el scriveva in latin:
“Recipe ova percussa, cum pomeranciis ad libitum tuum, et extrahe inde sucum, et mitte ad illa ova cum zucaro; post recipe oleum olive, vel segimine, et fac califieri in patella, et mitte illa ova intus. Et erit pro ruffianis et leccatricibus”
Ma sicome ogi me sento cocola ve la riscrivo a modo mio, in triestin, che no xe una lingua morta, ma un dialeto ben vivo nei nostri cuori. Alora ciolè:

6 OVI
2 NARANZE
1 LIMON
2 CUCIARI DE ZUCARO
2 CUCIARI DE OIO DE OLIVA EXTRA VERGINE
UN PIZIGHIN DE SAL (se no gvè la pression alta)

Dovè prepararla come se saria un omlet (beh… più che saria a la fin xe un omlet dei tempi de Marco Caco) sbatendo i ovi e zontando el zucaro, el pizighin de sal, e ‘l sugo de le naranze e dei limoni.
Ben sbatù che gavè, metè sto omlet a frizer co l’oio int’una fersora. Lo porterè in tola ancora tepido e, sicome no semo più nel medioevo, no lo magnerè co le man, ma poderè doprar, fortunadi voi, el piron!
Per far sta fritaia, sior Giani doprava solo naranze, adiritura quante un vol, ma sicome le naranze nel medioevo le iera amare, per far sto piato el più simile a l’original, ogidì xe meio doprar sia naranze che limoni.
L’acido e ‘l zucaro fa in maniera che i ovi no i se imbalonissi, cussì che se riva far na crema legera, legera, bona, bona… tanto che de come la se ciama no ne importa un boro!
Che basi, bori e buzolai no ve manchi in tola mai.

Tag: .

Un commento a Magnar ben per bon: fritata de pomeranciis

  1. Fiora

    ” et erit pro ruffianis et leccatricibus” ? orpo e pei altri nosepòl ?! bon indiferente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *