24 maggio 2018

Voleria far l’ator: ghe faremo saver

el sunto Dopo una picia pausa, torna la rubrica sula vita dei atori de teatro a Trieste!

Tuti i lavori ga la sua macia. No pol miga esser tuto bel, rose e fiori. I comercialisti ga el 730 e el modelo unico (a proposito, ricordeve de far che xe periodo), i maestri ga i esami de fine anno e le infinite riunioni, le comesse ga i saldi, i fiorai ga san valentino.
E ben i atori ga i provini.
Prima de cominziar le prove per uno spetacolo el regista ga de sceglier i atori che ga de dar vita ai suoi personagi, e se organiza i provini.
Come un eterno coloquio de lavor.
Cussì te riva una parte de imparar, te se la impari ben, te da el meio de ti e po i te disi: “ghe faremo saver” (per chi no fussi abituado a tradur el linguaggio tecnico solitamente vol dir: “no te ne piasi, va a remengo”.) E cussì te va avanti ala rizerca de un altro provin.
Eh sì. Far l’ator xe far provini, le due robe xe colegade. El provin xe un esame. Ti da solo davanti ala comission che i te varda e i te scruta, ogni parola, ogni moto xe valutai. Ma pol capitar che i te li fazi far anca in grupo e xe pezo, crea rivalità e competizion.
Se no i te scegli te ga de zercarte un novo provin e se i te ciapa co te ga finì el lavor te ga de zercarte un altro provin istesso. Ogni provin xe un continuo meterse in discussion, meterse ala prova, zercar de far meio. E no solo i giovani fa provini, finché te sta in pie e la vose te regi al’ator ghe toca se el vol lavorar. E nele sale d’atesa se scadena tute le paure, no xe bel co te verzi la porta e le mule xe tute come fotomodele magre come stechi o i muli super palestrai e col barbon (a bon intenditor… )
Ma xe una necessità, come respirar o MAGNAR.
Ma per rivar a magnar anca a fine mese no basta lavorar solo in teatro. E una dele robe che ogi come ogi i atori zerca xe i SPOT (che no xe el nome de un can, volessi dir publicità, la reclam). Esatto, tute quele publicità in television, in internet che gira e te fa conosser. Che sia pomata per l’emoroidi o quela del deodorante no fa diferenza, quei xe lavori ambiti. E là sì che xe veramente dura. Savè, in teatro pol anca capitar che te sia in do, tre de lori per una parte, per le publicità capita anca che ghe sia do, tre ZENTO de lori. Quindi co te fa el provin te pol spetar in coda anca le ore, noi ne ga toca come massimo oto ore ma gira vosi de atese de giorni, setimane (ma questo no se pol saver el senso dela misura no contradistingui la categoria). Po, dopo tuta sta fatiga, co toca finalmente a ti e te fa tuto bel pulito, i te disi: “ghe faremo saver” (tropo alto, tropo s’gionfa, tropi oci, tropi cavei, no te sa mai perché no i te ciol). E toca spetar “i me farà saver per bon?”. Co sona el telefono, xe sai agitazion, te se s’ciarisi la vose e con vose suadente e profesional te rispodi atento ala dizion (incubo e tragedia del ator medio triestin) e po… xe el solito COL SENTER… Vaca sc’enza! E te speti ancora, te rimandi altri impegni “No, no posso in quei giorni FORSI lavoro”.
E quindi via, avanti col prossimo provin, la mudanda piena, i provini che no te saverà mai cossa te ga sbaià o cossa te mancava. Ma po finalmente ogni tanto riva quei che te dà le più grandi sodisfazioni. In fondo xe anca questo el bel, viver come se te fussi sule montagne russe e no saver quando te sta prezipitando zò se te tornerà su.
Se vedemo fra quindise giorni? Anzi, ve faremo saver…

Tag: .

3 commenti a Voleria far l’ator: ghe faremo saver

  1. Davide

    geniale la scelta dela foto hahahahaha!

  2. Fiora

    @1
    beato ti che te ga capì de balin. Orpo, divano…metodo Weinstein? me farè saver!

  3. Sfsn

    Come diseva pino caruso i attori se dividi in incisivi e canini…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *