21 maggio 2018

Nate dei refoli de bora: el mio omo

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

EL MIO OMO

El mio omo ga oci scuri
che me legi dentro
e mi giro ogni pagina pian
per lassarghe el tempo
de pensar
che il vero amor
de veciaia
no ‘l xe morto mai.
Le man del mio omo
tien el mar, el ziel e la tera
e un nido
dove so de poder tornar
ogni giorno de l’ano,
no solo a primavera.
El mio omo ogi, un poco griso
qualche ruga in più
nei sui pensieri,
ma per mi ‘l xe sempre
quel de ieri.
Edda Vidiz

LA PATENTE PER SOGNAR

Go carigà la mia auto
de sogni e go corso,
no per le strade del mondo
ma dentro de mi,
traversando la vita.
Xe un fià macada
la carozeria,
el motor no, quel va ben,
i sogni però i xe sul finir.
Ma fin che no me scadi
la patente
no go nissuna intenzion
de meterla in garass.
Graziella Semacchi Gliubich

LA TELEVISION

Se dal giorno disgraziado
che gavemo ‘sto acidente
no go ancora divorziado…
mi me manca poco o niente.
Xe ‘ssai pezo che esser sola,
no se fa la ciacolada,
no se scambia una parola
no se peta la cantada.
Mio marì xe propio mato,
ore el sta davanti el schermo,
el de drìo ghe vien quadrato
el sta duro, zito e fermo.
No lo vardo che el me urta,
le pupile imbambolade,
la panzeta ghe se sburta
da le braghe sbotonade,
el tien sempre la sua cica
ne la boca meza ‘verta,
co’l ga fredo, po’ el se fica
le papuze e la coverta.
Mi per poco no lo molo;
ara coss’ che xe restado
de quel mulo sgaio e colo
che ai bei tempi go sposado
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *