Pupolo di Marco Englaro
18 maggio 2018

Magnar ben per bon: useleti scampai

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

I useleti scampai no i xe pericolosi come i “usei a la veneta” (vedi rizeta: Polenta conzada) e anca i omini de casa li pol gustar senza paura de vederse ridur el valor dei “zoiei de famea”.
La rizeta xe sempre per quatro de lori, perché i useleti de carne i xe cussì boni, che un solo me pareria poco e ‘lora, come vederè qua de soto, quatro per do fa oto.

Cossa che se dopra
8 FETINE DE CUOR DE COSSETO DE VEDELON O DE MANZO (senza ‘ndar drio de quei coghi, co la spuzeta soto el naso, che i dopra solo vedel)
8 FETINE DE PERSUTO COTO
8 FETINE DE PANZETA PEVERADA
8 FOIETE DE SALVIA
1 CUCIAR DE FARINA
1 BICER DE VIN BIANCO
1 CUCIAR DE SALSA (solo se ve piasi el tocio in rosso)
OIO EXTRA VERGINE DE OLIVA (quel tanto de che no ve alzi i trigliceridi)
SAL E PEVERE QUANTO BASTA
Ah… squasi dimenticavo el più importante: 8 STECADENTI!

Come che se fa
Dopo gaver salà un ioz le fetine, ghe metè de sora ‘na fetina de coto, una de panzeta e ‘na foieta de salvia e, involtizè ben tuta sta roba in magnera che no la sbrissi fora, a la fin lighè le fetine ben strete con un stecadenti. E, voilà, i useleti i ve xe scampai propio fora de man! (de no dismentigar el proverbio: Meio un usel in man che do’ in boscheto!
Scaldè l’oio int’una tecia o meio fersora fonda e fè rosolar i useleti voltandoli e rivoltandoli sovente, senza paura che i sofri de grizoli, perché mi no li go mai sentidi rider!
Co i gaverà ciapà quel bel color che de lulio ga le babe triestine al Pedocin, ghe zontè el cuciar de farina, el bicer de vin bianco o, propio a volendo, el bicer de vin rosso e, dopo un momento, che se svampissi l’alcol, la salsa de pomodoro. Zontè un sluc de aqua e coverzè fin a che i sarà pronti per svolar in tola!
Se volè un bel “piato unico” – che saria come a dir: “magnà quel no gavè più posto in panza” –
li podè servir in compania de un pirè de patate o de polenta.

Come se fa el pirè e la polenta?
E va ben, gente mia, no posso miga dirve tuto mi! Per far el pirè andè in botega magnativa a comprarve una scatola de pirè de patate in fiochi, dove no troverè fiocheti rossi, ma le indicazion de come se lo prepara in cinque minuti e passa. Per la polenta, inveze, se gavè auto e tempo oltrepassè el confin co la furlania e, al primo furlan che passa, ghe lo domandè. Altrimenti sempre in botega magnativa la trovè za pronta bianca, giala, tonda, quadrata e, se proprio volè far veder che anca voi savè cusinar comprè la farina in scatola (meio quela integrale) , po’ grampè pignata e cuciar de legno e missiè, missiè ancora per oto minuti e passa, (ah, se mia nona no gavessi saltà el fosso, coss’ che no la ne invidiassi!) E va ben, gente mia, no posso miga dirve tuto mi!
Che basi, bori e buzolai no ve manchi in tola mai!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *