14 maggio 2018

Nate dei refoli de bora: una finestra svoda

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

finestra

TUTI INSIEME

Cacao le sete in punto, a l’una pranzo
el tè a le zinque a le oto e meza zena,
no se sgarava gnanca de un minuto,
più una caserma iera che una casa.
Ogi el quartièr, però, xe diventado
come el buffet de la Staziòn Centrale.
Contati umani? Sì, nel sbater contro
tra quei che ariva e quei che cori fora.
Ghe xe, deograzia, qualche punto fermo
per ritrovarse unidi in armonia:
Nadàl, se no xe neve, Capodano,
se se sta mal e Pasqua più de rado,
i compleani, fin che i fioi xe pici,
el Santo, se no ‘l xe defenestrado,
qualche batizo, se no i xe sta’ atenti,
e per fortuna, sempre i funerai.
Laura Borghi Mestroni

EL GIARDIN INCANTA’

Serà de un muro de vece piere
che fazeva panza
el giardin sburtava su la strada
rami folti de foie, o suti,
secondo la stagion.
Un portonzin de fero ruzinido,
sempre sprangado,
taiava fora de la vita
la vita che iera dentro
e me sfidava
a scoverzer l’incanto.
Ancora, co passo de quela parte,
me par che, se volessi,
trovaria là dentro el Paradiso.
Tiro de longo e vado,
xe meio no scherzar
co le ilusioni.
Graziella Semacchi Gliubich

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *