11 maggio 2018

Pint of science: bira e sienzia se incontra int’ei pub de Trieste

el sunto Ciano e Ucio sfogliano il giornale e s’imbattono in un articolo che parla di Pint of Science, anche nei pub di Trieste dal 14 al 16 maggio 2018.

di Luca Ambrosio
Una tiepida serata Triestina, in una osmiza delle tante che popolano il carso in questo periodo, tra un cotto caldo col finocchietto selvatico ed un fresco malvasia, Ciano e Ucio sfogliano il giornale e s’imbattono in un articolo che parla di Pint of Science, l’evento di divulgazione scientifica che ritorna per il secondo anno a Trieste il 14, 15 e 16 maggio. Volete saperne di più? Facciamocelo allora raccontare da loro…

 

Ucio e Ciano

– Ciò Ucio, te ga leto qua el bugiardin de quela manifestazion che ghe xe la prossima setimana?
– Quela per far Fedriga papa?
– Ma coss’te parli. Intanto Fedriga xe diventà presidente dela region, ma comunque no zentra gnente. Intendevo quela dei sienziati che va a parlar nei pub.
Sienziati nei pub? Scusime, ma alora me par più probabile Fedriga papa.
– Ma molighela! Digo per bon, scolta qua cossa che i scrivi: ”Dal 14 al 16 maggio ritorna a Trieste Pint of Science, la manifestazione di divulgazione scientifica. Il festival si svolgerà in contemporanea in ben 20 città italiane e 21 paesi letteralmente in ogni angolo del mondo ed a Trieste porterà oltre trenta ricercatori e scienziati a raccontarvi la loro ricerca in quattro pub cittadini”.
– Ma perché nei pub e no intele osmize po?
– Ma perché sta roba i se la ga inventada a Londra nel 2012 e là i ga pub, no osmize. Se la inventava un de longera i la fazeva sì in osmiza.
– Opur i gavessi finì per dir che tanto no se pol far, no saria vignù nissun e che el comun no gavessi da’ i permessi, e alla fine i se gavessi fato un altro rosso e po bon!
– Pol esser, pol esser, ma invece qua i disi che el comun, l’università cussì come i più importanti centri de ricerca triestini come l’osservatorio astronomico, SISSA, OGS, ICTP e AREA oltre che l’Istituto Nazionale de Fisica Nucleare che xe sponsor a livel nazionale, i ga tuti suportà l’evento de Trieste.
– Disevo mi che ghe iera de mezo l’atomica.
– Ma che atomica, guarda che i fisici italiani xe sempre stadi ai primi posti nel mondo, pensa a Fermi, Segré, Rubbia…
– Propio sti qua no li conosso, però go presenti… Rocco, Maldini…
– Lassa perder. Scolta qua. Per esempio lunedì 14 al Grande Buffo in Vial i parlerà del Bosone di Higgs, dei caciatori de nove particele ancora sconossude, colisioni stelari, dei misteriosi ragi gama e l’invisibile materia oscura.
– Ogni tanto la vedo galegiar sta materia oscura in sacheta, ma per trovarla basta el naso, no ghe vol tanti strumenti.
– Alora se te vol usar el naso te pol andar al’Old London, vizin casa tua a San Giacomo, dove i parlerà de profumo de rosmarin, timo, qualità del’aria e… teremoti.
– Ah, questo dei teremoti devi esser sai interessante, speta che lo publico su fazebuk.
– Ma cossa te ga Facebook?
– Si, mia nuora ga inziganà Luciana che su fazebuk xe pien de oferte, sconti, robe che no sa nissun altro… e me lo ga a messo sul telefonin.
– Sempre lunedì ma al Murphy’s, in galeria fenice, i parlerà proprio de come sti computer con algoritmi sempre più sofisticai sta imparando a pensar e dei quesiti morali che ne consegui.
– Me par sai complicà, coss’te vol che capisso mi.
– Ma varda che sti eventi xe fati a posta per un pubblico generico e anche un lole come ti pol seguir e, magari con l’aiuto de una bona bireta, imparar qualcossa.
– Bireta? Qua incominzemo a parlar de robe interessanti.
Anche de birete cosmiche i parla! Martedì sempre in Vial.
– Lasko, Union, ma Bira cosmica no gavevo mai inteso.
. Ma xe una metafora. I spiegherà “che come una bira, anche l’universo xe fato da un brodeto de ingredienti speciali: luce, materia visibile ed energia oscura. Sperando che no piovi…”
– Cossa c’entra la piova desso? No xe al chiuso sti eventi?
– Ma no, xe scrito cussì. Perché dopo i parlerà de come i astrobiologi studia l’abitabilità dei pianeti extrasolari tipo la tera ma in altri sistemi solari.
– Alieni?
– No, niente alieni. A parte qualchidun che te lo trovi al pedocin, nissun ga mai trova’ prove che i esisti. Ma l’universo xe grande. Lunedì al TNT i parla propio de questo, partindo dai fratali, e quindi l’infinitamente picio, per dopo imaginar de far un tufo nel’enorme buso nero che xe al centro dela nostra galassia.
– Ma cossa gavemo un buso nero qua vizin?
– Beh, vizin… no xe propio vizin… però sì, xe un buso nero supermassiccio che se ciucia dentro tuto.
– Ah, eco, perché quel più vizin che conossevo mi iera nele scarsele de Luciana. Te pol darghe zento corone al giorno che le sparissi nissun sa dove! Ma tute ste robe i studia a Trieste? E cossa ‘andemo a scoltar Ciano?
– Mah, xe tuto sai interessante. Praticamente ognun dei quatro pub ga un tema. Per esempio te go za dito che al Grande Buffo in Vial i parla de atomi e de galassie. Po ghe xe l’Old London Pub a San Giacomo dove inveze i parla del pianeta terra, clima, natura. Nei altri due, el TNT via Ginnastica e al Murphy’s in Galeria Fenice i parla inveze de tecnologia.
– E alora? Riempi sto bicer che magari ne vien l’ispirazion!
– Sto qua sembra anche sai bel: “Zinema atomico in carso”, Mercoledì al Murphy’s spiegà dai muli del sincrotrone. E ghe sarà anche un complesso a sonar, i Drunky Boys, rigorosamente sienziati e tecnici de laboratorio!
– Te savessi mi che cine-atomico che go visto in carso, iero propio in un’osmiza a basoviza e sti due ga inizià a darsele de santa ragion… bote de orbi!
– Ma qua no se parla de longhi, se parla de lampi de luce ed eletroni subliminali, robe che i fa nel’acelerador de particele.
– Sì, sì questa la so, i fa girar come mati sti eletroni nel… come se ciama… dei… come la fia de Marconi… Elettra, Elettra!
– Bravo! Comunque i fa girar fotoni, ma no ga importanza. Ma te sa che oltre Elettra in carso esisti Fermi, un altro acelerador sai sai più potente de Elettra, che xe unico al mondo?
– Eh sì, e desso te me dirà che in carso xe anche una base aliena!
– Te vedi che alora te interessa? Sì ma no xe le robe più strane. Senti qua: “Quanto-computer per mettere una galassia in scatola” e “Mucche sferiche in un universo simmetrico”.
– Queste xe de andar a scoltarle solo per el titolo. I xe forti però sti qua.
– Po i parla anche de robe più “terestri”, tipo de come se orienta le bestie col campo magnetico, del’explora che va in pension, dei meteorologici e de grafene.
– Grafene! Xe come el kren? Se magna?
– Ma no che no se magna. Xe forsi el più famoso dei novi materiali. In pratica xe carbonio, che in natura se trova in due forme: grafite (quela dele mine) e diamante. In laboratorio i ga creà sta nova forma de carbonio che xe dura come el diamante ma flessibile come la plastica.
– E ‘cossa el servi?
– No so mi. ‘ndaremo scoltar mercoledi.
– Bon fata! Tanto mercoledi Luciana ga la sua serata de telefilm: CSI a sbregabalon!
– A proposito de CSI, ma ti te savevi che i programi de computer che te vedi che sti atoroni usa per studiar le siene del delito e becar i assassini i li gà inventadi a Padriciano?
– Ma ‘ndemo dei . Ma te me ciol in giro?
– Veramente. Dei muli a Padrician ga inventà sta roba e desso la usa le polizie de tuto el mondo!
. Ma no go mai sentì de tute ste robe che femo a Trieste. No xe che te ga bevù tropo?
– Alora te vedi che ga ragion sti muloni a organizar sto Pint of Science!
– Te ga ragion, par talmente bel che par fin strano che sta roba xe anche qua de noi. Bravi muli e viva l’A e po bon. Ala tua Ciano!
– Ala tua Ucio e viva Pint of Science!

Qui programma completo di Pint of Science Trieste 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *