Pupolo di Marco Englaro
11 maggio 2018

Magnar ben per bon: zuf

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Sta qua po’ ve xe la più semplice de le rizete de portar in tola . No la xe quela del pan e aqua, ma poco ghe manca! Proprio un de quei piati, come el brodo brustolà, che i torna su la cresta de l’onda co i tempi se fa duri. Meio prontarse in tempo, lora!
El nome de sto piato vien del longobardo “zupfe”, che vol dir minestra e no sopa, che xe un modo de dir nato compena – se fa per dir – al tempo de Carlo Magno.
Che sto mato, mi digo – a parte andar in guera pena spuntava i fiori int’ei pra – no’l fazeva altro che spanzarse, taiarghe la testa a quei che no i se fazeva cristiani e ndar a babe…
A pensarghe ben come zerti politici de ogi che, per de sora, i ga un dadrè de brenta, dato che no ghe toca ‘ndar in guera ogni primavera e no i ga teste de taiar, perchè essendo votadi, i pensa che i citadini no i gabi testa. Cussì ghe resta e vanza più tempo per spanzarse e ‘ndar a babe, inveze de far el loro mestier che sarìa quel de far el ben de noialtri (no de mi e de vu soli, ma in senso slargado, de tuta la nazion).
De cossa stavo parlando? Ah, sì, del zuf ! El zuf xe bon per tute le età, del momento che se finissi de ciuciar el late de mama ai zento ani e passa, no se perdi tempo per farlo e quanto al costar, giudichè voi!

Cossa se dopra
1 CICHERA PIENA DE GRIES;
1 LITRO E MEZO DE AQUA.
SAL QUANTO BASTA
Se po’ gavè ancora in credenza un dado per brodo de bechi, doprè pur, che mal ‘l pol far solo al tacuin.

Come se fa
Butè a piova el gries nel brodo boiente, mescolando ben, ben che no ve se imbalonissi tuto (sto qua del imbalonirse xe un vizio dei piati povari). Lassè boier per un vinti minuti zirca, missiando sovente, e se ‘l tuto dovessi diventar tropo duro, rizonzè co un fià de aqua de boio e, per ultimo, regolè de sal.

Se i sorzi no i ve ga netà la credenza, fate le porzion int’ei piati, podè condirle co’ butiro e formaio de gratar, o co’ un cuciar de salsa de pomodoro, o co’ la vostra fantasia, roba che ve costerà de manco o de massa, a seconda se gavè na fantasia de caval de corsa o de muss. Mario Doria, nel suo dizionario el riportava “El me slonga el zuf col cabernet!”
Ma se fè come la mia povera defonta nona, e al posto del brodo de bechi doprè el late e – fate le porzioni – ghe zontè un fià de zucaro o de marmelata o de miel, gaverè un piato strabon… almanco lo spero, perché mi, come che nona, benedeta ela, la xe ‘ndada a sburtar rdicio, no go magna più gnanca un cuciar de zuf!
Che basi, bori e buzolai no i ve manchi in piato mai!

Tag: .

5 commenti a Magnar ben per bon: zuf

  1. Annamaria

    Cos che ze el gries?

  2. giorgio (no events)

    @1: dal tedesco Grieß = semolino

  3. Fiora

    Infati balete de Grieß col ovo e formaio boide ntel brodo (de carne o de bechi indiferente ) se ciama gnochi de Grieß .
    Nota a margine. A mi i me vien duri come balini.

  4. Fiora

    anche mia nona sburta radicio de ani anorum e se inveze de impignirme la testa dela Sissi e del povero nostro Franz la me gavessi imparà un per de rizete tipo del strucolo de pomi , dei krapfen e dei gnochi de Grieß che ghe vigniva sublimi…magari savessi meno dela Defonta ma…cusinassi mejo domacio.

  5. giorgio (no events)

    Che po’ in tedesco, mi calcolo, se dirà “griss” e alora ‘sto grièss de noialtri sarà vignù fora legendo su una scatola de semolino de prima dela prima guera, o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *